" Si è tifosi della propria squadra perchè si è tifosi della propria vita, di se stessi, di quello che si è stati, di quello che si spera di continuare a essere. E' un segno, un segno che ognuno riceve una volta per sempre, una sorta di investitura che ti accompagna per tutta la vita, un simbolo forte che si radica dentro di te, insieme alla tua innocenza, tra fantasia, sogno e gioco."

sabato 25 maggio 2024

Fatto il massimo per il... minimo, ora una nuova e complicata ripartenza...


Andata in archivio la stagione 2023/24 è tempo di fare un bilancio...

Ma come è stato l'anno della SAMPDORIA?

Per un giudizio finale credo si debba sempre partire dalla aspettative, da cosa ci si aspettasse alla vigilia di un campionato iniziato tra mille e ben note difficoltà.

E devo dire che sotto questo aspetto non ricordo una tale disparità di vedute tra i sostenitori blucerchiati: c'e' stato chi, evitato lo spauracchio del derby contro il Ligorna ha vissuto questa annata quasi come una benedizione e si è fatto andare bene tutto, ponendosi in pratica come unico obiettivo il mantenimento della categoria, altri inguaribili ottimisti invece fino all'ultimo hanno sperato in una promozione che, viste le premesse e l'altalenante andamento avuto durante i 9 mesi, avrebbe avuto del clamoroso, una sorta di miracolo calcistico di proporzioni ben più ampie e rilevanti rispetto all'impresa siglata nel 2012...

Persino noti opinionisti locali e presunti esperti hanno cambiato idea più volte durante l'anno: prima era una SAMPDORIA dagli enormi limiti tecnici, poi una squadra in grado di lottare per la promozione, poi di nuovo una sorta di armata Brancaleone...

Il sottoscritto, che di certo non è per natura ottimista ma che è solito definirsi più realista del re, anche nei momenti più complicati ha sempre sostenuto che questa Samp avrebbe potuto e dovuto centrare i play off per poi giocarsi le proprie carte in ottica promozione, previsione azzeccata per quanto riguarda la prima parte ma decisamente errata per la seconda.

Il non rientrare tra le prime otto sarebbe stato dal mio punto di vista un FALLIMENTO TOTALE, quindi aver centrato i play off rientra nel minimo sindacale che mi aspettassi da questo organico, al netto di tutte le problematiche avute, su tutte l'incredibile sfilza di infortuni che hanno caratterizzato la stagione...

Sotto il profilo dell'impegno non ho nulla da rimproverare, a parte pochissime eccezioni ( ad esempio un certo numero 10...) tutti hanno fatto il massimo, da Pirlo ai giocatori, credo che sarebbe bastato davvero poco per giocarsela fino in fondo...

Ma questo ormai è il passato, ora lo sguardo deve necessariamente volgere al futuro prossimo, cosa ci dobbiamo aspettare?

La società, al momento del suo insediamento, aveva parlato di un programma biennale ( anche se ogni tanto le tempistiche si allungano, vedi ultime dichiarazioni del d.s. Mancini, a tal proposito un'uniformità di vedute tra le varie componenti sarebbe assai gradita...), quindi si può ragionevolmente pensare che quest'anno verrà sferrato "l'attacco" decisivo all'agognato salto di categoria...personalmente però non la vedo così facile, anzi!

La prossima sessione estiva di calcio mercato sarà  ancora legata all'indice di liquidità ( tanti soldi entrano, tanti soldi escono, per farla in breve...) e nella Samp attuale di certo non abbondano i giocatori in grado di portare denaro fresco nelle casse, forse il solo Audero, neo vincitore dello scudetto e di ritorno dal prestito all'Inter potrebbe avere dei pretendenti quindi il già citato Mancini, assieme a una nuova figura dirigenziale che presumibilmente prenderà il posto dell'enigmatico Legrottaglie dovrà fare di necessità virtù con un mercato...creativo, cosa che comunque gli è già abbastanza riuscita anche a gennaio, vedi il colpaccio Leoni, che verrà riscattato per 1,5 milioni.

C'è da capire se questo indice di liquidità possa essere in qualche modo aggirato, ad esempio operando con prestiti e obblighi di riscatto a 12 mesi, detta così mi sembra troppo facile ma non ho alcuna certezza in merito...

Un altro grattacapo è rappresentato dal salary cap: quest'anno avevamo il monte ingaggi più alto della categoria, la prossima stagione non si potranno superare i 10 milioni e di conseguenza gli stipendi dei calciatori dovranno essere fortemente ridimensionati, non proprio il migliore degli incentivi per invogliare nuovi calciatori a sposare la causa blucerchiata...

Venendo poi al lato squisitamente tecnico temo che si andrà incontro a un'altra rivoluzione, l'organico era composto da parecchi ragazzi in prestito che presumibilmente torneranno alla base, difficile pensare ad esempio che giocatori come Stankovic ed Esposito possano farsi un altro anno di B, sono invece automaticamente scattati i rinnovi di Kasami e Pedrola ma per quest'ultimo c'è l'enorme incognita delle condizioni fisiche...

E ancora...le nostre avversarie!

Tra squadre che quest'anno hanno fallito come noi l'obbiettivo, tipo il Palermo o reduci da stagioni travagliate che vorranno riscattarsi ( vedi Bari e Spezia ), tra retrocesse che probabilmente tenteranno l'immediata risalita ( Salernitana, Sassuolo, forse addirittura l'Udinese o l'Empoli ) e le immancabili sorprese come il Catanzaro, la lotta per la promozione si annuncia durissima, probabilmente ancora più complicata di quella che abbiamo appena vissuta...

Insomma... tra vicende societarie con relative problematiche  annesse e rifondazioni tecniche tutt'altro che agevoli il futuro della SAMPDORIA resta ancora nebuloso e tutto da decifrare...

19 commenti:

Anonimo ha detto...

Ottimo articolo. Certo che pensando a squadre come il Palermo (e la sua proprietà facoltosa) e le altre da te citate mi sa che, con la nostra campagna acquisti bloccata, sarà quasi impossibile la risalita il prossimo campionato. E gli anni passano....parlo per me, ovviamente.
Roberto 48

Riccardo ha detto...

Per conto mio, ovviamente spero di essere smentito, vuoi per le difficoltà citate da El, il nostro anno buono sono convinto sia non questo ma quello dopo ancora. Purtroppo la società si deve ancora consolidare nel suo assetto e gettare le basi come organico di giocatori, e con il mercato bloccato e le questioni ancora irrisolte è molto complicato.

solodoria ha detto...

dovessi scommettere direi anche io che l' annata buona per la risalita sara' la 2025/ 2026

Modernist359 ha detto...

Concordo su tutto quanto spiegato bene nell'ottimo articolo e rimarco choreste le priorità massime al momento sono:
1) liberarci assolutamente del guitto e del suo bagnoschiuma
2) Affiancare ad Andrea Mancini un direttore di esperienza
3) Abbassare il monte ingaggi dei calciatori, possibilmente cercando di piazzare quegli elementi di zavorra che tutti conosciamo.
Dopo di ché, vedremo quale tipo di mercato si potrà impostare. Per il piazzamento nel campionato le previsioni sono incerte in virtù soprattutto delle altre 19 compagini da affrontare...

Modernist359 ha detto...

"Che" al posto di "choreste", scusate il macro errore dal cellulare.

El Cabezon ha detto...

Dite non bene ma benissimo, cari ragazzi:-)
E' per questo che io insistevo i mesi scorsi che bisognava provarci convintamente già quest'anno, perchè ogni stagione che resti in B renderà sempre più difficile la risalita...

Anonimo ha detto...

Vado controcorrente con le vostre opinioni pur rispettandole innanzitutto una retrocessione è sempre traumatica il Sassuolo tanto per citare una proprietà facoltosa dovrà fare di necessità virtù e lasciare andare via i migliori la Salernitana è legata a un faccendiere romano che chissà quanto sarà ancora interessato la Samp deve sino a gennaio rimanere nelle prime sei poi potrà operare liberamente pur con le ristrettezze del mercato non inteso come finanze ma come scelta di possibili acquisti i prestiti esistono quest'anno ne abbiamo avuto la prova oggettiva quindi calma e un po' di moderato ottimismo in serie B non ci vuole scendere nessuno infatti si fatica a trovare un D.s. e giocatori disposti a giocare un campionato di calci e spinte. Ho provato a dare una motivazione ai vostri dubbi pur legittimi. Luigi .

osch ha detto...

Ciao ragazzi, quest`anno mi aspettavo un campionato "forse" di vertice, visto l`organico e constato il livello molto basso della cadetteria. Se abbiamo centrato i play off lo dobbiamo in maggior parte alle disgarzie altrui.

Speravo in un altro team tecnico. Pirlo, per un certo periodo non mi dispiaceva. Bilanciando la stagione, non mi convince l`operato del mister e dei suoi. mister. Non "potendo" cambiare, spero nella sua crescita professionale. Abbiamo bisogno un pò d`un`artigiano pragmatico, specialmente in b.

La squadra anche per me, si è comportata bene nel complesso.

Manfredi e il suo mstaff diregenziale sembrano dare garanzie. Non era e non sarà facile navigeare tra le insidie romane/veneziane.

L`anno prossimo mi aspetto almeno la lotta per salire.

robmerl ha detto...

da quel che leggo in giro , i migliori (esposito e stankovic) hanno già fatto le valige. Ricominciare da zero ogni anno con giocatori in prestito che non hanno trovato una sistemazione più soddisfacente, o perennemente infortunati che nessuno vuole riprendersi, non mi sembra esattamente di buon auspicio. E crea fatalmente disaffezione

El Cabezon ha detto...

* Luigi
tu che hai sempre avuto particolare attenzione per le vicende societarie e che hai qualche conoscenza, se non ho inteso male, nei salotti buoni brianzoli/milanesi, riusciresti a chiarire il dubbio che ho sollevato?
Ossia: si potrebbe aggirare in sede di campagna acquisti l'ostacolo dell'indice di liquidità con dei prestiti con obbligo di riscatto a 6/12 mesi?
Ti sembra plausibile?
A me sembra troppo facile, se così fosse avrebbero l'avrebbero già fatto nel mercato invernale di quest'anno...

solodoria ha detto...

dimentichi eventuali penalizzazioni luigi...se non ci saranno, saremo liberi da zavorre viperettesche e di..calciatori stringendo i denti fino a gennaio si puo' provare...troppi se al momento

solodoria ha detto...

finalmente liberi! alla faccia del sigaraio di grondona per cui o arrivava barnaba o era fallimento

Anonimo ha detto...

" Cabezon" ti ringrazio per la stima ma non frequento salotti dell'alta borghesia brianzola però domani dovrei vedere alcune persone che potrebbero darci risposte più esaustive e di conseguenza rispondere alla tua domanda sulla futura campagna acquisti. Solodoria puoi stare tranquillo, le smentite del "signore" romano lasciano il tempo che trovano la tua euforia è giustificata ma la burocrazia italiana per quanto riguarda i tribunali ha tempi biblici per sancire definitivamente e ufficialmente il passaggio delle quote restanti a Manfredi. Spero di potervi aggiornare il prima possibile. Luigi.

Anonimo ha detto...

Cabezon quest'oggi posso rispondere con maggiore certezza al tuo quesito avendo avuto il piacere di pranzare con un noto dirigente sportivo con trascorsi genovesi, detto questo la risposta è stata per la società Sampdoria non è cambiato nulla può acquisire giocatori in prestito con diritto oppure obbligo di riscatto qualora la società di appartenenza non si avvalga della clausola di un'eventuale contro riscatto, quindi il problema dell'indice di liquidità può essere "facilmente" superato o meglio aggirato. Detto questo ha avvalorato la mia tesi ovvero che la Samp ha bisogno di un buon Direttore sportivo che oltre a saper individuare giocatori bravi abbia "amicizie" con squadre che possano come avvenuto quest'anno concedere giovani promettenti cosa per nulla facile e scontato e qui giocoforza ho voluto spendere due parole su un giovane di valore appartenente alla sua società affinchè potesse fare ritorno in blucerchiato almeno per un'altro anno, la risposta è stata un sorriso in quanto argomento per noi non addetti ai lavori tabù. Una volta terminato il pranzo dove si è parlato anche di altre cose mi sono permesso di invitarlo a riflettere su quanto sia bella la regione Liguria, da lui stesso apprezzata in passato per un'eventuale rimpatriata futura. Elegantemente come da persona raffinata ed intelligente quale è ha risposto:nella vita mai dire mai. Un vero signore. "Luigi"

El Cabezon ha detto...

Caspita Luigi,
dal tuo racconto parrebbe di intuire che hai pranzato proprio con LUI, il miglior dirigente italiano per distacco, a mio parere ovviamente...
Grazie, notizie tutto sommato da valutare in maniera positiva...

Silverfox ha detto...

Non sarà facile programmare il prossimo campionato anche e, sopratutto, perchè ora dobbiamo risalire nella massima divisione ed i play off non bastano più come obiettivo stagionale.
Innanzi tutto manca un DS o direttore generale che collabori con Mancini Jr. ha fare....le nozze con i fichi secchi...viste le restrizioni del Noif.
Certamente non si può compreare se non si cede. Io penso ma se ad esempio si va dall'Inter e gli si dice: " Mi dai Stankovic in prestito gratuito fino al 01/01/2025 che diventa obbligo dal 02/01/25 si può fare? io credo di si, fatta la legge la si può aggirare.
Veniamo o meglio torniamo alla squadra.
Ci vogliono, (scontati Leoni, Ferrari e Piccini) al meno due centrali e due laterali se va via anche Barreca. A centrocampo, dove abbiamo la situazione migliore, basta un elemento se Kasami non scappa. In attacco, se si vogliono tenere in rosa Delle Monache e Stroppa e c'è la conferma di Pedrola basta un centroavanti forte ma forte e di categoria.
Come operare? ci vuole un mago che riesca a cedere i vari Beres, Audero, Verre, Lagumina per ottenere un tesoretto per comprare qualcosa e il resto farselo prestare con oblighi e non solo legati alla promozione vedi Ghilardi che sarebbe o sarà una perdita gravissima.
In totale parliamo di 4 difendenti, 1 centrocampista e 1 punta. Buona fortuna Samp

robmerl ha detto...

chiediamo un obolo al sciu Aldo!

Silverfox ha detto...

Rob....buona questa....ma penso cosa potremmo fare per lui? Diventare genuani ahahaha

robmerl ha detto...

come si dice nel vostro amabile - e saggissimo - dialetto, "mancu u can a moeve a cua pe' ninte"