" Si è tifosi della propria squadra perchè si è tifosi della propria vita, di se stessi, di quello che si è stati, di quello che si spera di continuare a essere. E' un segno, un segno che ognuno riceve una volta per sempre, una sorta di investitura che ti accompagna per tutta la vita, un simbolo forte che si radica dentro di te, insieme alla tua innocenza, tra fantasia, sogno e gioco."

martedì 21 marzo 2017

Il cuore non basta...


SAMPDORIA - Juventus 0-1
Marcatore: 7' Cuadrado

SAMPDORIA ( 4-3-1-2 ): Puggioni 6,5; Sala 5,5 Silvestre 6,5 Skriniar 7 Regini 5,5; Barreto 6 Torreira 6 ( 63' Praet 6 ) Linetty 6,5; B. Fernandes 5,5 ( 53' Schick s.v.; 75' Djuricic s.v. ); Quagliarella 6,5 Muriel 5   All. Giampaolo 6

Juventus ( 4-2-3-1 ): Buffon 6; Dani Alves 6,5 Rugani 6,5 Barzagli 6 Asamoah 7; Khedira 6 Pjanic 6; Cuadrado 7 ( 73' Lemina 6 ) Dybala 6 ( 28' Pjaca 6 ) Mandzukic 6,5; Higuain 6 ( 85' Lichtsteiner s.v. )   All. Allegri 6,5

Arbitro: Tagliavento di Terni 6,5
Ammoniti: Regini, Dani Alves.
Angoli: 2-5
Note: spettatori paganti 9.338, incasso di € 341.095; abbonati 16.789


Alla SAMPDORIA non basta un secondo tempo tutto cuore e grinta per riacciuffare la Juventus: i blucerchiati vedono così interrompersi la loro serie positiva che durava da sette partite mentre i bianconeri con questo successo fanno un ulteriore passo avanti verso la conquista del sesto scudetto consecutivo...
Tra i pali c'è Puggioni al posto dello squalificato Viviano, per il resto Giampaolo conferma lo stesso undici vittorioso nel derby, tra gli ospiti Allegri vara un mini turn over in difesa lasciando in panchina Bonucci e Chiellini.
Il Doria parte benissimo: Quagliarella va via a Barzagli e mette al centro per Muriel ma il passaggio è troppo arretrato, l'ex di turno ci riprova poco dopo calciando in diagonale con la sfera che però termina abbondantemente a lato...
Al primo affondo la Juve colpisce: cross di Asamoah, irrompe Cuadrado che brucia Regini e di testa fa secco Puggioni...
La superiorità tecnica e fisica dei campioni d'Italia è evidente, la Samp dalle parti di Buffon combina nulla o quasi mentre i bianconeri sfiorano il raddoppio in un paio di circostanze, clamorosa soprattutto l'opportunità che capita a Mandzukic il cui tiro a botta sicura è respinto da...Higuain, finito a terra nel convulso batti e ribatti, mentre lo stesso Pipita sul finire della prima frazione in uno dei suoi pochi spunti costringe Puggioni a un difficile intervento...
Nella ripresa la SAMPDORIA si scrolla di dosso ogni timore reverenziale e preme sull'acceleratore mentre gli uomini di Allegri si abbassano e si limitano a controllare...
Giampaolo gioca la carta Schick ma la partita del talismano boemo dura una ventina di minuti scarsi in quanto proprio al termine di un'azione ben congegnata s'infortuna in un contrasto con Asamoah...
C'è spazio anche per Praet che rileva l'acciaccato Torreira, gli ultimi minuti vedono un generoso forcing dei blucerchiati che gettano il cuore oltre l'ostacolo, Muriel ( oggi impalpabile ) fallisce una ripartenza che poteva essere letale ma l'occasionissima per il pareggio arriva in pieno recupero sulla testa di Regini da calcio d'angolo ma la mira è sbagliata e il pallone termina alto...
Finisce con gli applausi scroscianti di Marassi, il giusto riconoscimento per i ragazzi autori di una prova coraggiosa, generosa e di qualità: ci poteva stare il pareggio, ma bisogna riconoscere la superiorità della Juventus emersa soprattutto nel primo tempo quando gli uomini di Allegri hanno avuto diverse opportunità per raddoppiare...
Poco male, una sconfitta che non cambia di una virgola le ottime sensazioni che questa SAMPDORIA regala ad ogni partita, specie nella crescita dei suoi tanti giovani, oggi su tutti a mio parere da menzionare la prestazione di Skriniar, pressochè impeccabile...avanti così!!!

lunedì 13 marzo 2017

Due su due, GENOVA E' ANCORA BLUCERCHIATA!!!


genoa - SAMPDORIA 0-1
Marcatore: 71' Muriel

SAMPDORIA ( 4-3-1-2 ): Viviano 6; Sala 6 Silvestre 7 Skriniar 7 Regini 6; Barreto 6 Torreira 6,5 Linetty 6,5; B. Fernandes 6 ( 75' Praet 6 ); Quagliarella 6 ( 67' Schick 7 ) Muriel 6,5 ( 87' Djuricic s.v. )   All. Giampaolo 7

genoa ( 3-5-2 ): Lamanna 6; Izzo 6 Burdisso 5,5 Munoz 6; Lazovic 6 ( 76' Palladino s.v. ) Hiljemark 6 Cofie 6 ( 83' Taarabt s.v. ) Ntcham 5,5 ( 90' Morosini s.v. ) Laxalt 6; Pinilla 5,5 Simeone 5
All. Mandorlini 5,5

Arbitro: Orsato di Schio 6,5
Ammoniti: Cofie, Pinilla, Ntcham, Burdisso, Sala, Barreto, Muriel, Viviano.
Angoli: 5-2
Note: spettatori paganti 15.320, abbonati 15.870

La SAMPDORIA concede il bis e dopo il derby d'andata vince anche quello di ritorno, cosa che ai blucerchiati in serie A non accadeva addirittura dalla stagione 1959/60.
Regini e Linetty vincono i ballotaggi con Pavlovic e Praet, nel genoa Mandorlini lancia dal 1' Ntcham, a segno nelle ultime due partite.
Nonostante si giochi "solo" per l'onore ed il prestigio il primo tempo è ai limiti della noia, avarissimo di emozioni, con la SAMPDORIA che prova a fare la partita e i rossoblù con dieci uomini dietro la linea della palla ed intenzionati a pungere di rimessa...
L'occasione più ghiotta capita al Grifone al 20': Simeone serve Pinilla che da pochi passi calcia a colpo sicuro ma la conclusione del cileno è centrale e Viviano respinge col piede, ne scaturisce un pericoloso flipper con la sfera che termina in calcio d'angolo...
La manovra dei blucerchiati è troppo lenta, in avanti c'è poco movimento ed ad eccezione di un paio di velleitari tentativi di Muriel ed una bella girata volante di Quagliarella Lamanna non corre pericoli...
Tutt'altra musica nella ripresa: la Samp si scuote dal torpore e aumenta il ritmo, viceversa il genoa non riesce a tenere i reparti corti e stretti come nella prima frazione e si allunga, consentendo agli avversari d'infilarsi con sempre maggior frequenza negli spazi che si creano...
La prima emozione la regala Muriel che al 51' parte da destra, si accentra e lascia partire una sassata di sinistro che scheggia la traversa, poi ci prova Quagliarella la cui girata è però debole e imprecisa, dalle parti di Viviano il genoa si fa vedere solo con due tentativi senza troppe pretese di Ntcham e Laxalt...
Giampaolo si gioca la carta Schick al posto di Quagliarella ( probabilmente è la prima volta in stagione che il napoletano viene sostituito...), la SAMPDORIA gioca meglio e adesso attacca con una certa continuità anche se per sbloccare la contesa ci vuole un gentile omaggio degli avversari...
E' il 71' quando Ntcham, poco fuori l'area di rigore effettua uno scriteriato passaggio in orizzontale per Munoz, Muriel capisce tutto e si avventa sulla sfera vincendo il contrasto, il colombiano avanza pochi metri quindi sterza leggermente al centro e con un chirurgico piatto destro infila la palla nell'angolino più lontano dove Lamanna non può arrivare, LA SUD ESPLODE!!!
Mandorlini tenta di scuotere i suoi inserendo prima Palladino e poi Taarabt ma la reazione del genoa è pressochè nulla, il Doria regge senza affanno cercando di piazzare il colpo del k.o. grazie soprattutto ad un immarcabile Patrick Schick che con dei numeri da fenomeno assoluto si porta a spasso l'intera retroguardia avversaria mancando però all'ultimo momento la stoccata vincente...
Solo negli ultimissimi minuti i rossoblù hanno un sussulto d'orgoglio con Laxalt il cui tiro cross è sventato da Viviano e, dopo quattro minuti di recupero, può finalmente esplodere la gioia dei blucerchiati per questo successo bis nella stracittadina della Lanterna!
Una vittoria assolutamente meritata per ciò che gli uomini di Giampaolo hanno saputo creare nella ripresa dopo un primo tempo molto bloccato, è lecito pensare che un atteggiamento così guardingo, quasi svogliato da parte nostra nella prima frazione sia stato studiato a tavolino, una volta che il genoa è calato sotto il profilo della corsa e del pressing siamo venuti fuori noi alla distanza!
Che dire, una vera e autentica goduria, un successo che dopo due stagioni ci fa riappropriare del primato cittadino ma, cosa ben più importante e stimolante, dà continuità di risultati e la piacevolissima sensazione che si stia creando qualcosa di bello e importante...
Ora la palla passerà a Ferrero e alla dirigenza, se la prossima estate riusciranno a dare continuità tecnica a questo bel progetto iniziato a luglio tra mille difficoltà e perplessità non sarà vietato pensare e sognare traguardi ambiziosi...

lunedì 6 marzo 2017

Tris al Pescara, e ora il derby!


SAMPDORIA - Pescara 3-1
Marcatori: 18' B. Fernandes; 32' Cerri; 58' Quagliarella; 68' Schick

SAMPDORIA ( 4-3-1-2 ): Viviano; Sala ( 83' Bereszinsky ), Silvestre, Skriniar, Pavlovic; Barreto ( 75' Linetty ), Torreira, Praet; B. Fernandes; Quagliarella, Muriel ( 62' Schick ).   All. Giampaolo

Pescara ( 4-3-3 ): Bizzarri; Zampano, Stendardo, Coda ( 82' Fornasier ), Biraghi; Verre ( 88' Brugman ), Bruno, Memushaj; Benali, Cerri ( 75' Kastanos ), Caprari.   All. Zeman

Arbitro: Pasqua di Tivoli
Ammoniti: Coda, Bruno.
Angoli: 7-2
Note: spettatori paganti 871, incasso di € 16.605; abbonati 16.789

venerdì 3 marzo 2017

Quagliarella in extremis salva una brutta Samp


Palermo - SAMPDORIA 1-1
Marcatori: 31' rig. Nestorovski; 90' Quagliarella

SAMPDORIA ( 4-1-2-1-2 ): Viviano; Bereszinksy, Silvestre, Skriniar, Regini; Cigarini ( 59' Linetty ); Barreto, Djuricic ( 53' Muriel ); Praet ( 83' B. Fernandes ); Quagliarella, Schick.   All. Giampaolo

Palermo ( 4-2-3-1 ): Posavec; Rispoli, Cionek, Andelkovic ( 90' Sunjic ), Aleesami; Gazzi, Chochev; Sallai ( 77' Diamanti ), Bruno Henrique, Balogh ( 83' Embalo ); Nestorovski.   All. Lopez

Arbitro: Doveri di Roma
Ammoniti: Gazzi, Bruno Henrique, Cigarini, Djuricic.
Angoli: 7-6
Note: spettatori paganti 3.816, incasso non comunicato, abbonati 6.323.

mercoledì 22 febbraio 2017

Soddisfacente pareggio...


SAMPDORIA - Cagliari 1-1
Marcatori: 6' Isla; 22' Quagliarella

SAMPDORIA ( 4-3-1-2 ): Viviano 6; Bereszynsky 5,5 Silvestre 6 Skriniar 6 Pavlovic 5,5; Barreto 6 Torreira 6,5 Praet 5,5 ( 55' Linetty 6,5 ); B. Fernandes 5,5 ( 46' Djuricic 6 ); Muriel 6 ( 80' Schick 6 ) Quagliarella 6   All. Giampaolo 6

Cagliari ( 4-4-1-1 ): Gabriel 6; Padoin 6 ( 82' Ibarbo s.v. ) Pisacane 6,5 B. Alves 6 Murru 6; Isla 6,5 Dessena 6,5 Tachtsidis 5,5 ( 65' Di Gennaro 6 ) Ionita 6; Joao Pedro 6; Sau 6,5 ( 84' Borriello s.v. )
All. Rastelli 6,5

Arbitro: Massa di Imperia 5
Ammoniti: B. Fernandes, Torreira, Viviano, Quagliarella, Murru, Joao Pedro, Tachtsidis, Gabriel, Ionita, Borriello.
Angoli: 4-4
Note: spettatori paganti 1.645, incasso di € 30.969; abbonati 16.789

La SAMPDORIA fallisce il poker di vittorie consecutive ( che avrebbe fatto da contraltare a quello di sconfitte subito dalle stesse avversarie nel girone di andata ) e al cospetto di un ottimo Cagliari non va oltre un pareggio che comunque, visto lo sviluppo della gara ed il gol ingiustamente annullato nel finale ad Ibarbo, può soddisfare l'ambiente blucerchiato...
Giampaolo recupera Barreto mentre come terzino sinistro dà fiducia a Pavlovic con Regini in panchina, nel Cagliari a sorpresa Rastelli lascia inizialmente Borriello fuori dall'undici titolare...
Al primo affondo gli ospiti passano: rimessa laterale a lunga gittata di Murru ( non sarà l'unica del match,,,), spizzata di Ionita che pesca Isla colpevolmente lasciato libero da Pavlovic, per il cileno ex Juve non è troppo complicato controllare e battere Viviano con un destro secco e preciso...
La Samp però, come suo solito, dopo uno svantaggio non si scompone e continua a macinare gioco con idee e lucidità e così il pareggio è già cosa fatta al 22' quando Muriel sgomma sulla sinistra e mette al centro, Pisacane non riesce a spazzare il pallone che finisce a Quagliarella che al volo lo gira in rete tornando al gol dopo tre mesi di astinenza...
La partita è divertente, è il Doria che prova a comandarla ma gli isolani si difendono con ordine e si rendono pericolosi con micidiali ripartenze ed è Sau ad andare ad un passo dal nuovo vantaggio ospite ma la sua conclusione a colpo sicuro è troppo centrale e Viviano d'istinto respinge...
Nella ripresa Giampaolo gioca subito la carta Djuricic al posto di un evanescente Bruno Fernandes ma la manovra blucerchiata non decolla, va meglio con Linetty per Praet, il polacco dà nuova linfa alla mediana doriana e dopo un'occasionissima sprecata da Sau i pericoli arrivano tutti dalle parti di Gabriel che rischia grosso specie su un paio di calci piazzati di Torreira...
Nel finale i due mister tentano il tutto per tutto per far propria l'ìntera posta in palio: Schick al posto di Muriel tra i padroni di casa, Ibarbo e Borriello per i sardi, e proprio i neo entrati sono i protagonisti delle ultime emozioni...
Il boemo se ne va via elegantemente in dribbling e dà il via ad una tambureggiante azione che si conclude con un clamoroso palo colto da Torreira, Borriello reclama il penalty per un tocco con la mano ( pare involontario ) di Pavlovic e Ibarbo va addirittura in gol ma Massa, su segnalazione del guardalinee annulla per fuorigioco di Pisacane che però non partecipa all'azione...
Un pareggio sostanzialmente giusto, noi non siamo stati brillantissimi ma credo sia stato merito anche dell'ottima disposizione tattica del Cagliari, il 4-4-1-1 disegnato da Rastelli ci ha creato non pochi problemi, peccato per non aver centrato il poker di vittorie, cosa che non ci riesce dai tempi di Mihajlovic, ma tutto sommato va bene così...

mercoledì 15 febbraio 2017

Ennesima rimonta, all'insegna del 3...


SAMPDORIA - Bologna 3-1
Marcatori: 18' Dzemaili; 82' rig. Muriel; 83' Schick; 88' aut. Mbaye

SAMPDORIA ( 4-3-1-2 ): Viviano 6; Bereszinsky 6,5 Silvestre 6 Skriniar 6 Regini 5,5 ( 46' Dodò 6 ); Praet 5,5 Torreira 7 Linetty 5,5 ( 46' Djuricic 6,5 ); B. Fernandes 5,5 ( 58' Schick 6,5 ); Quagliarella 6 Muriel 5,5   All. Giampaolo 7

Bologna ( 4-3-3 ): Da Costa 6; Torosidis 6,5 Oikonomou 6 Maietta s.v. ( 13' Mbaye 5,5 ) Masina 6; Donsah 5,5 Pulgar 6,5 Dzemaili 6,5; Verdi 6,5 ( 85' Di Francesco s.v. ) Destro 5,5 ( 45' Sadiq 5,5 ) Krejci 6   All. Donadoni 6

Arbitro: Fabbri di Ravenna 5
Ammoniti: Schick, Torreira, Maietta, Mbaye, Torisidis, Dzemaili.
Angoli: 11-4
Note: spettatori paganti 1.184, incasso di € 20.958; abbonati 16.789


La SAMPDORIA ci ha preso gusto!
Dopo le rimonte con Sassuolo e Roma eccone un'altra, se possibile ancor più rocambolesca e clamorosa, contro il Bologna che permette ai blucerchiati di conquistare la terza vittoria consecutiva, cosa che non accadeva da quasi due anni...
Giampaolo conferma l'undici che ha espugnato San Siro, tra i felsinei da registrare l'assenza dell'ex Gastaldello che va k.o. nel riscaldamento.
Partenza a spron battuto da ambo le parti e subito occasionissima per la Samp ma Muriel, solo davanti all'applaudito Da Costa sparacchia malamente a lato, il Bologna replica con Donsah che calcia a botta sicura ma la sfera centra il palo alla destra di Viviano...
La velocità degli esterni Verdi e Krejci crea problemi alla retroguardia doriana che capitola al 18': cross dalla sinistra, sponda di testa di Destro per Verdi e tocco per l'accorrente Dzemaili che da fuori area lascia partire una sassata di destro che fulmina Viviano.
La reazione blucerchiata è volenterosa ma poco incisiva, Muriel è in serata di luna storta e Quagliarella, pur battendosi è ben controllato dalla retroguardia ospite che nel frattempo ha perso Maietta, rilevato da Mbaye...
Giampaolo nell'intervallo corre ai ripari togliendo Regini e Linetty, al loro posto Dodò e Djuricic col chiaro intento di allargare il gioco sulle fasce per scardinare la difesa rossoblù e così la ripresa diventa un monologo dei padroni di casa che inchiodano gli ospiti nella propria metà campo...
Paradossalmente il Bologna, nelle uniche due volte che ne viene fuori sfiora il raddoppio prima con Sadiq contrastato all'ultimo momento da Silvestre e Viviano e poi con Verdi che su punizione coglie la parte alta della traversa...
La Samp spinge con idee e lucidità ma come al solito al momento di concludere l'imprecisione e la scarsa incisività la fanno da padrona, ci provano Bruno Fernandes ( poi sostituito da Schick ), Praet e Muriel ma con scarsa fortuna...
Sembra una gara stregata ma all'82' la Dea Bendata decide di dare una mano ai blucerchiati sotto forma di un rigore ( che le immagini TV dimostreranno non esserci...) per un fallo di mano di Pulgar segnalato dall'addizionale Marinelli, dal dischetto Muriel trasforma...
In preda al nervosismo il Bologna va completamente in barca, passa un minuto e Schick, lanciato da Djuricic s'invola tutto solo verso Da Costa e lo batte con un preciso sinistro, MARASSI ESPLODE!
Saltano tutti gli schemi, ad ogni affondo la SAMPDORIA sfiora il gol che è cosa fatta all'88' quando Mbaye devia nella propria porta un cross di Schick, in pieno recupero Donsah potrebbe ridurre il passivo ma da ottima posizione calcia malamente alto sulla traversa...
Terza vittoria consecutiva quindi e, a mio parere, delle tre è la più meritata!
Perchè è vero che il pareggio arriva grazie ad un rigore che non c'è, ma il nostro predominio è stato, specie nella ripresa, netto ed evidente!
Comprensibile l'amarezza dell'ambiente felsineo e in particolare di Donadoni, persona che ho sempre stimato sia da giocatore che da allenatore ma quando si commentano gli errori arbitrali bisognerebbe essere onesti e coerenti: o non si rilasciano dichiarazioni ( come ha fatto Giampaolo dopo i torti di Napoli e Bergamo ), oppure, se si commentano, si abbia per l'appunto l'onesta intellettuale di ammettere anche quando si riceve un...favore...
Perchè poco più di un anno fa, sempre con arbitro il ravennate Fabbri ( piccola parentesi: ma è proprio necessario mandare ad arbitrare il Bologna un direttore di gara di una città confinante?...mah...) venne decretato un penalty INESISTENTE ai rossoblù padroni di casa, poi realizzato da Destro e decisivo ai fini del risultato, ed allora Donadoni, di fronte alle polemiche di Montella commentò così:"... E' successo anche a noi in passato, se stiamo a piangere ogni volta è finita, bisogna essere più realisti ed equilibrati. E' il calcio, il resto son tutte chiacchiere".
Dispiace che un episodio macchi la nostra vittoria ( Donadoni oltre che a lamentarsi dovrebbe comunque anche chiedersi perchè la sua squadra dopo il pareggio ne ha presi altri due e altri due ha rischiato di prenderli...) che, ribadisco, al netto dell'episodio favorevole è meritata, siamo stati sempre lucidi nella manovra, senza farci prendere dalla foga, decisive anche questa volta le mosse di Giampaolo, coraggioso oltre ogni limite nel proporre nell'ultima mezz'ora una formazione che presentava addirittura sei uomini con caratteristiche spiccatamente offensive!
E' bello vedere questa Samp che gioca, lotta e non molla mai, coi suoi tanti giovani che crescono di partita in partita: tre vittorie consecutive non ci capitavano da quasi due anni, allora furono quattro, con il Cagliari domenica a Marassi c'è la ghiotta occasione di replicare il poker...



martedì 7 febbraio 2017

Diavolo d'una Samp!


Milan - SAMPDORIA 0-1
Marcatore: 70' rig. Muriel

SAMPDORIA ( 4-3-1-2 ): Viviano; Bereszynski, Silvestre, Skriniar, Regini; Praet, Torreira, Linetty; B. Fernandes ( 54' Djuricic ); Quagliarella ( 71' Schick ), Muriel ( 80' Alvarez )   All. Giampaolo

Milan ( 4-3-3 ): Donnarumma; Kucka, Zapata, Paletta, Romagnoli; Bertolacci ( 79' Ocampos ), Sosa, Pasalic ( 72' Abate ); Suso, Bacca ( 72' Lapadula ), Deulofeu   All. Montella

Arbitro: Guida di Torre Annunziata
Espulso: 90' Sosa ( doppia ammonizione )
Ammoniti: Bacca, Suso, Kucka, Torreira, Djuricic
Angoli: 8-3
Note: spettatori paganti 15.984, incasso di € 400.449; abbonati 15.990