" Si è tifosi della propria squadra perchè si è tifosi della propria vita, di se stessi, di quello che si è stati, di quello che si spera di continuare a essere. E' un segno, un segno che ognuno riceve una volta per sempre, una sorta di investitura che ti accompagna per tutta la vita, un simbolo forte che si radica dentro di te, insieme alla tua innocenza, tra fantasia, sogno e gioco."

mercoledì 10 ottobre 2018

Colpaccio!


Atalanta - SAMPDORIA 0-1
Marcatore: 76' Tonelli

SAMPDORIA ( 4-3-1-2 ): Audero 6,5; Bereszynski 7 Tonelli 7 Andersen 7 Murru 7; Praet 6 Ekdal 6,5 Linetty 6 ( 84' Barreto s.v. ); Caprari 5 ( 60' Ramirez 6 ); Defrel 6 ( 86' Kownacki s.v. ) Quagliarella 6   All. Giampaolo 6,5

Atalanta ( 3-4-1-2 ): Gollini 6; Toloi 7 Palomino 6 Masiello 6 ( 24' Mancini 5 ); Hateboer 5 De Roon 5,5 Freuler 5,5 Castagne 5; Pasalic 5,5 ( 57' Ilicic 6 ); Gomez 6 Zapata 6,5 ( 66' Barrow 6 )
All. Gasperini 6

Arbitro: Irrati di Pistoia 6,5
Ammoniti: De Roon, Ilicic, Andersen, Praet, Linetty, Bereszynski.
Angoli: 9-4
Note: spettatori paganti 3.615, incasso di € 56.167; abbonati 15.549

Un'inzuccata di Tonelli a un quarto d'ora scarso dal termine regala alla SAMPDORIA tre punti d'oro che permettono ai blucerchiati d'insediarsi nei quartieri altissimi della classifica...
Col recupero di Caprari Praet torna in mediana, sul fronte atalantino ancora panchina per Ilicic...
Dopo i primi 20' combattuti ed equilibrati e col primo brivido firmato da Andersen che di testa impegna Gollini i padroni di casa prendono in mano le redini dell'incontro sfiorando il vantaggio con Hateboer ( erroraccio a due passi da Audero ) e con l'ex Zapata e Gomez che colgono i montanti rispettivamente con un bel colpo di testa e con una pregevole giocata personale...
Sul finire della prima frazione ci prova anche Toloi, ma la sua conclusione è respinta col piede da Audero, la Samp fraseggia bene ma Quagliarella e Defrel, pur muovendosi molto non pungono...
Il copione non cambia nella ripresa, Atalanta sempre in forcing e vicina ancora al vantaggio con Zapata che al momento di concludere viene stoppato da un prodigioso recupero di Murru...
Giampaolo prova a scuotere i suoi inserendo Ramirez per uno spento Caprari e l'uruguaiano si rende poco dopo pericoloso ma la sua conclusione col piede debole, il destro, è sventata da Gollini...
Dopo Masiello nel primo tempo Gasperini perde per infortunio anche Zapata, rilevato dal giovane Barrow, sempre sgusciante e minaccioso ma ostacolato sempre in maniera efficace da Bereszynski.
Col passare dei minuti la pressione della Dea si placa e la SAMPDORIA, con un cinismo impressionante ne approfitta per pescare il jolly: corner di Ramirez e Tonelli, lasciato colpevolmente libero di saltare, incorna imparabilmente alle spalle di Gollini...
L' Atalanta schiuma rabbia e si riversa in avanti con le ultime energie rimaste ma la difesa blucerchiata è insuperabile, Tonelli e Andersen respingono qualsiasi cosa e anche sugli esterni Bereszynski e Murru sono ostacoli quasi insormontabili...
L'ultimo brivido arriva in pieno recupero ma il bolide di Toloi è sventato in corner da un ottimo Audero...
Una vittoria sicuramente fortunosa ( ultimamente contro la Dea ci gira benissimo...) e che punisce oltre misura una sfortunata Atalanta ma un premio per una Samp che è stata brava a soffrire ed a rimanere sempre lucida grazie soprattutto ad un reparto arretrato che si sta rivelando sorprendentemente solido...
La classifica è stupefacente, assolutamente inaspettata alla vigilia del campionato: ma l'anno scorso grosso modo la situazione era analoga e poi sappiamo benissimo com'è andata a finire, per cui piedi per terra e nessun volo pindarico...

giovedì 4 ottobre 2018

Vittoria in rimonta...


SAMPDORIA -Spal 2-1
Marcatori: 21' Paloschi; 25' Linetty; 60' Defrel

SAMPDORIA ( 4-3-1-2 ): Audero; Bereszynski, Tonelli, Andersen, Murru; Barreto, Ekdal, Linetty ( 83' Jankto ); Praet; Quagliarella ( 76' Kownacki ), Defrel ( 66' Caprari ).   All. Giampaolo

Spal ( 3-5-2 ): Gomis; Cionek, Djourou, Felipe; Lazzari, Everton Luiz ( 65' Missiroli ), Schiattarella, Valoti ( 71' Fares ), Costa; Paloschi ( 84' Antenucci ), Petagna.   All. Semplici

Arbitro: La Penna di Roma 1
Ammoniti: Ekdal, Murru, Praet, Felipe, Everton Luiz, Petagna.
Angoli: 6-5
Note: spettatori paganti 839, incasso di € 20.270; abbonati 17.046

domenica 30 settembre 2018

Maledetto recupero!


Cagliari - SAMPDORIA 0-0

SAMPDORIA ( 4-3-1-2 ): Audero 6; Bereszynski 6 Andersen 6,5 Colley 6,5 Murru 6; Barreto 6 Ekdal 6 Praet 5,5 ( 85' Jankto s.v. ); Ramirez 5,5 ( 62' Linetty 6 ); Quagliarella 5,5 ( 85' Kownacki 5,5 ) Defrel 6   All. Giampaolo 6

Cagliari ( 4-3-1-2 ): Cragno 6,5; Srna 6,5 Pisacane 6 ( 86' Andreolli 5 ) Klavan 5,5 Padoin 6; Castro 6 Cigarini 5 ( 64' Bradaric 6 ) Barella 6; Joao Pedro 6 ( 64' Ionita 6 ); Pavoletti 5 Farias 6   All. Maran 6

Arbitro: Rocchi di Firenze 6
Ammoniti: Cigarini, Bereszynski, Ramirez, Praet.
Angoli: 7-3
Note: spettatori paganti 3.468, incasso di € 80.267; abbonati 10.570

Minuti di recupero ancora una volta fatali alla SAMPDORIA!
Dopo la sconfitta contro l'Inter rimediata al 94' ecco arrivare col Cagliari l'errore dal dischetto al 92' di Kownacki che impedisce ai blucerchiati di cogliere una vittoria che nel complesso sarebbe stata meritata...
Colley e Barreto vincono i ballottaggi con Tonelli e Linetty, nel Cagliari Maran recupera Pavoletti...
Avvio veemente dei sardi, pericolosi con Pavoletti, Joao Pedro ( gol annullato per fuorigioco ) e soprattutto con Farias il cui colpo di testa da distanza ravvicinata è sventato con bravura da Audero...
La Samp fatica a rendersi pericolosa, Quagliarella e Defrel si sbattono ma non incidono anche perchè l'uomo deputato ad innescarli, Ramirez, com'è ormai purtroppo consuetudine combina poco e sbaglia molto...
La partita, nel complesso bruttina, si accende nella ripresa: Farias con un bel destro a giro coglie il palo, sarà questo in pratica l'ultimo guizzo dei sardi che col passare dei minuti caleranno visibilmente permettendo al contrario alla SAMPDORIA di prendere in mano il comando delle operazioni...
Il conto dei pali si pareggia quasi subito: azione avvolgente dei blucerchiati, cross di Barreto per Defrel che a porta sguarnita schiaccia di testa ma il pallone, incredibilmente, rimbalza sulla traversa, un mix di sfortuna e imprecisione davvero clamoroso...
Prima di essere sostituito Ramirez ha il suo unico sussulto della serata: bella veronica tra un paio di avversari e lancio per Defrel che brucia i diretti avversari in velocità ma al momento di concludere il francese, contrastato in maniera più che dubbia da Klavan, calcia debolmente addosso a Cragno...
Adesso è il Doria a fare la partita ed è il neo entrato Linetty a sfiorare il vantaggio con un bel destro a giro che coglie la traversa...
La gara nel finale sembra trascinarsi stancamente verso un pareggio che tutto sommato andrebbe bene a tutti ma in pieno recupero Andreolli, da poco in campo, stende in area Defrel...
Col rigorista Quagliarella da poco sostituito da Kownacki sul dischetto si presenta lo stesso attaccante polacco la cui esecuzione però, piuttosto debole e per nulla angolata è intuita da Cragno...
Davvero un peccato pensare che nelle ultime due giornate nei minuti di recupero ci siamo "bruciati" ben 3 punti, la fortuna sicuramente non ci ha dato una mano...
Nel complesso però mi ritengo soddisfatto, temevo moltissimo questa trasferta in Sardegna sia per motivi...storici ( a Cagliari non vinciamo dal 2007! ) che reali e pratici visti che gli uomini di Maran avevano di recente messo alle corde il Milan e averla giocata con personalità mi rende fiducioso per il prosieguo della stagione...

mercoledì 26 settembre 2018

Che beffa!


SAMPDORIA - Inter 0-1
Marcatore: 94' Brozovic

SAMPDORIA ( 4-3-1-2 ): Audero 6; Bereszynski 7 Tonelli 6,5 Andersen 6,5 Murru 6,5; Praet 5,5 ( 59' Barreto 6 ) Ekdal 6,5 Linetty 5,5 ( 58' Jankto 5 ); Ramirez 5,5 ( 92' Sala s.v. ); Defrel 5 Quagliarella 5,5
All. Giampaolo 6,5

Inter ( 4-2-3-1 ): Handanovic 6; D'Ambrosio 6 Miranda 6,5 Skriniar 6,5 Asamoah 6,5; Vecino 6 Brozovic 6; Politano 5,5 ( 60' Perisic 6 ), Nainggolan 6 ( 82' Borja Valero s.v. ) Candreva 6 ( 69' Keita s.v. ); Icardi 5,5   All. Spalletti 6

Arbitro: Guida di Torre Annunziata 6
Ammoniti: Linetty, Defrel, Tonelli, Miranda.
Angoli: 3-12
Note: spettatori paganti 5.793, incasso di € 187.710; abbonati 17.042

Una stoccata di Brozovic in pieno recupero condanna la SAMPDORIA al primo k.o. stagionale davanti al proprio pubblico al termine di una gara ricca di emozioni e colpi di scena...
Rispetto al recupero infrasettimanale contro la Fiorentina Giampaolo rilancia dal 1' Bereszynski e Praet per Sala e Barreto ma perde Caprari per infortunio, al suo posto Ramirez, sul fronte nerazzurro iniziale panchina per Perisic rilevato da Candreva.
Ottima la prima mezz'ora dei blucerchiati che pressano altissimi e manovrano con velocità e precisione ma i pericoli per Handanovic sono ridotti al minimo, Quagliarella e Defrel pur muovendosi parecchio non pungono e Ramirez si fa apprezzare più in fase di ripiegamento che in quella offensiva...
Appena la Samp fisiologicamente cala il ritmo emerge la miglior qualità e fisicità degli ospiti che si fanno minacciosi due volte con Vecino di testa...
Sul finale di tempo il primo colpo di scena: dopo duecento rimpalli vinti Nainggolan trova dal limite il destro vincente che fa secco Audero ma l'esultanza degli interisti viene interrotta dal VAR che ha colto a inizio azione un fuorigioco di Icardi, una decisione sorprendente perchè l'offside era sfuggito a tutti ma assolutamente ineccepibile come testimoniato dalle immagini...
Nella ripresa il calo doriano si fa ancora più evidente e l'Inter può così aumentare la sua pressione: Candreva coglie il palo con un sinistro a giro, quindi ci prova Icardi con una girata di testa che termina sull'esterno della rete e infine è ancora Candreva ad andare al tiro ma la sua conclusione seppur violenta è centrale e Audero respinge...
Giampaolo nel frattempo ha buttato forze fresche in campo ossia Barreto e Jankto: l'ultimo quarto d'ora si fa più equilibrato, anche l'Inter accusa un certo calo atletico...
Ma un finale da manicomio è dietro l'angolo...
All'87' D'Ambrosio dal fondo mette al centro, la sfera arriva ad Asamoah che con una staffilata di sinistro fa centro ma, come nel primo tempo entra in gioco la VAR per annullare la rete in quanto D'Ambrosio aveva crossato quando il pallone aveva già varcato la linea di fondo...
Passano due minuti: la SAMPDORIA recupera palla in pressing, Ramirez pesca Defrel che mette dentro, entusiasmo incontenibile tra i blucerchiati ma gol che viene giustamente annullato ( stavolta senza VAR ) per l'evidentissimo fuorigioco del francese...
Parrebbe finita qui, ma in pratica all'ultima azione l'Inter pesca il jolly della vittoria grazie a Brozovic, sugli sviluppi di un corner nato da una punizione ingenuamente provocata dal neo entrato Sala...
Brucia perdere in questa maniera, non si può dire che l'Inter abbia rubato qualcosa in quanto nel secondo tempo ci hanno messo davvero sotto, specie nella prima mezz'ora, ma in virtù della nostra ottima prima frazione il pareggio ci stava, purtroppo siamo stati troppo leggeri e spuntati in avanti, creando pochissimo dalle parti di Handanovic...
Perdere contro una squadra costruita per traguardi ben diversi dai nostri ci sta, resta la soddisfazione per essercela giocata ad armi pari e a testa alta e il rammarico per non aver avuto ricambi in avanti ( oltre a Caprari era out anche Kownacki ) che nel finale ci avrebbero potuto far comodo...
Delusione però da smaltire in fretta, incombe infatti il turno infrasettimanale di campionato e la sempre rognosa trasferta di Cagliari...

sabato 22 settembre 2018

Un tempo per uno, un punto per uno...


SAMPDORIA - Fiorentina 1-1
Marcatori: 13' Simeone; 60' Caprari

SAMPDORIA ( 4-3-1-2 ): Audero; Sala, Andersen, Tonelli, Murru; Barreto, Ekdal, Linetty ( 55' Praet ); Caprari ( 69' Ramirez ); Quagliarella ( 82' Kownacki ), Defrel.   All. Giampaolo

Fiorentina ( 4-3-3 ): Dragowski; Milenkovic, Pezzella, Vitor Hugo, Biraghi; Gerson ( 70' Benassi ), Veretout, E. Fernandes; Chiesa ( 82' Sottil ), Simeone, Pjaca ( 61' Mirallas ).   All. Pioli

Arbitro: Maresca di Napoli
Ammoniti: Sala, Linetty, Tonelli, Veretout, Benassi.
Angoli: 4-6
Note: spettatori paganti 1.292, incasso di € 32.490; abbonati 17.042

domenica 16 settembre 2018

Manita...


Frosinone - SAMPDORIA 0-5
Marcatori: 10' Quagliarella; 47' Caprari; 54' Defrel; 83' rig. Kownacki; 86' Defrel

SAMPDORIA ( 4-3-1-2 ): Audero 6; Bereszynski 7 Colley 6,5 Andersen 6 Murru 6; Barreto 7 Ekdal 6 ( 71' Vieira s.v. ) Linetty 6,5; Caprari 6 ( 59' Ramirez 6 ); Defrel 7 Quagliarella 7   All. Giampaolo 6,5

Frosinone ( 3-5-2 ): Sportiello 5,5; Brighenti 4,5 Salamon 5 Krajnc 5; Zampano 5 Chibsah 6 Maiello 4,5 ( 62' Hallfredsson 5 ) Soddimo 5 Molinaro 5,5; Ciano 4,5 ( 68' Campbell 5 ) Perica 4,5 ( 75' Ciofani s.v. )
All. Longo 5

Arbitro: Irrati di Pistoia 6
Ammoniti: Maiello, Brighenti, Soddimo, Defrel.
Angoli: 5-3
Note: spettatori 14mila circa.

Esagerata SAMPDORIA!
I blucerchiati espugnano Frosinone con un roboante 5-0, centrando al tempo stesso la vittoria numero 700 in serie A e il successo più largo di sempre in trasferta!
Giampaolo sceglie Caprari come trequartista per sostituire l'infortunato Saponara, mentre in difesa Colley è preferito a Tonelli, sul fronte ciociaro il tecnico Moreno Longo dà fiducia a centrocampo all'ex Soddimo.
Avvio aggressivo dei doriani che all'11' sbloccano il match: sciagurato passaggio in orizzontale di Brighenti intercettato da Defrel, palla a Caprari che la smista sulla destra a Barreto e cross preciso del paraguaiano per il comodissimo tocco sotto misura di Quagliarella.
Il gol però addormenta la Samp e viceversa scuote il Frosinone dall'iniziale torpore: un lungo lancio dalle retrovie taglia fuori Andersen e pesca Perica sul quale è tempestivo Audero in uscita, quindi l'estremo difensore blucerchiato è salvato dalla traversa sul colpo di testa di Brighenti...
Ci si aspetta una ripresa di sofferenza con i padroni di casa pronti a dare il tutto per tutto ma la SAMPDORIA stasera è cinica e spietata e con un micidiale uno-due chiude i conti: il raddoppio è firmato da Caprari ( destro al volo su assist di Quagliarella ), il terzo gol è siglato da Defrel al termine di un bello spunto personale...
Di fatto la partita finisce qui, l'ultima mezz'ora somiglia più a un'amichevole infrasettimanale che ad una partita di serie A con il Doria che dà alla vittoria i contorni di una vera e propria goleada grazie alle reti del neo entrato Kownacki che si procura e trasforma un rigore e di Defrel, alla sua seconda doppietta consecutiva, che mette comodamente in rete un traversone di Ramirez...
Seconda vittoria di fila con la bellezza di otto gol fatti e neppure uno subìto, numeri importanti che però non devono esaltarci più di tanto, dopo il vantaggio ci siamo adagiati permettendo al Frosinone di rialzare la testa e in tutta onestà se il primo tempo si fosse concluso in parità ci sarebbe stato poco da dire poi a inizio ripresa c'è stato il nostro uno-due che ha stroncato ogni velleità dei ciociari e di conseguenza l'ultima mezz'ora quasi accademica, quando certi match hanno un andamento così particolare è sempre difficile capire quali siano i meriti di una squadra e i demeriti dell'altra...
Per cui piedi ben piantati per terra e continuare a testa bassa a pedalare in vista dei match casalinghi contro Fiorentina e Inter...
Mi piace infine sottolineare la grande sportività del pubblico frusinate, che ha dapprima applaudito Quagliarella al momento della sostituzione e a fine gara lungamente la propria squadra, cosa decisamente non comune quando si perde per 5-0...

giovedì 6 settembre 2018

Serata di magie


SAMPDORIA - Napoli 3-0
Marcatori: 11' e 32' Defrel; 75' Quagliarella

SAMPDORIA ( 4-3-1-2 ): Audero 6; Bereszynski 7 Tonelli 7,5 Andersen 6,5 Murru 6,5 ( 59' Sala 6 ); Barreto 7,5 Ekdal 7 ( 84' Vieira s.v. ) Linetty 6,5; Saponara 7 ( 37' Ramirez 5,5 ); Defrel 7,5 Quagliarella 7,5.   All. Giampaolo 7,5

Napoli ( 4-3-3 ): Ospina 5; Hysai 5,5 Albiol 5 Koulibaly 5 Mario Rui 5,5; Allan 6 Diawara 5,5 ( 71' Rog s.v. ) Zielinski 5,5; Verdi 5 ( 46' Ounas 6,5 ) Milik 5 Insigne 4,5 ( 46' Mertens 5,5 )   All. Ancelotti 5

Arbitro: Massa di Imperia 5,5
Ammoniti: Ramirez, Vieira, Diawara, Mario Rui, Allan, Rog
Angoli: 4-5
Note: spettatori paganti 2.828, incasso di € 93.630; abbonati 17.007

Una SAMPDORIA semplicemente perfetta asfalta il Napoli con un 3-0 che non ammette repliche, tornando così a battere gli azzurri dopo oltre otto anni dall'ultimo successo firmato da un gol di Pazzini il 16 maggio 2010...
Rispetto a Udine Giampaolo lancia dal 1' i neo acquisti Tonelli, Ekdal e Saponara che rilevano rispettivamente Colley, Jankto e Ramirez mentre sul fronte partenopeo Ancelotti vara una sorta di turn over lasciando in panchina Hamsik e Callejon.
Ritmi alti fin dall'avvio, subito un brivido in area doriana con il Napoli che prova a insediarsi nella metà campo avversaria facendolo però in maniera scriteriata e così all'11', da un angolo a favore ecco innescarsi la fulminea ripartenza doriana con Saponara che serve Defrel, il francese pur non controllando benissimo e portandosi il pallone sul destro, non il suo piede preferito, lascia partire un bolide che fulmina l'incolpevole Ospina!
Debole la reazione degli ospiti, una punizione di Insigne abbondantemente alta e una conclusione di Milik bloccata da Audero è tutto ciò che gli uomini di Ancelotti riescono a produrre...
La SAMPDORIA è aggressiva, pressa in ogni zona del campo mettendo in grande difficoltà i più quotati avversari che soccombono per la seconda volta poco dopo la mezz'ora: Ekdal apre per Bereszynski, cross del polacco per Quagliarella che in piena area spalle alla porta controlla e serve il liberissimo Defrel la cui stoccata, deviata da Albiol, supera Ospina.
Ancelotti nell'intervallo tenta di scuotere i suoi inserendo Mertens e Ounas e soprattutto grazie alla rapidità e ai guizzi di quest'ultimo la manovra del Napoli acquista pericolosità sfiorando in un paio di circostanze il gol che riaprirebbe il match che viceversa si chiude definitivamente nella maniera più spettacolare possibile al 75': cross di Bereszynski per Quagliarella che s'inventa un colpo di tacco semplicemente fantastico che batte per la terza volta Ospina...
Un'autentica magia, uno dei gol più belli che si ricordi a Marassi negli ultimi anni e l'ennesima perla di un campione intramontabile che non sembra accusare il peso degli anni che passano...
Insomma, una serata di magie, personali e...di squadra!
Abbiamo giocato una partita splendida per grinta, spirito di sacrificio e lucidità, siamo stati straripanti anche sul piano fisico, dopo un primo tempo ai mille all'ora temevo un calo nel secondo e invece...
Sui singoli bravissimi tutti, in particolare Tonelli ( forse aveva voglia di rivalsa...), Defrel e soprattutto Barreto che dopo le pesanti critiche ricevute per la prestazione di Udine ( nella quale però giocò in un ruolo non suo, è giusto evidenziarlo ) si è riscattato alla grandissima!
Le uniche note stonate sono state l'infortunio dell'eccellente Saponara, uscito nel corso della prima frazione per una lesione alla coscia destra ( probabili tre settimane di stop ) e...l'ingresso del suo sostituto, Ramirez, che anche contro il Napoli ha confermato il suo momento no che dura ormai da mesi..
Dopo la brutta sconfitta in Friuli era già iniziato il processo a Giampaolo e alla squadra, adesso che si è battuto il Napoli ogni giudizio è stato stravolto, come spesso accade si pecca d'equilibrio...
Qual è la vera SAMPDORIA è troppo presto per dirlo, di certo sarebbe bello che alla magnifica prestazione contro il Napoli si concedesse il bis nella trasferta di Frosinone, dopo la sosta...