" Si è tifosi della propria squadra perchè si è tifosi della propria vita, di se stessi, di quello che si è stati, di quello che si spera di continuare a essere. E' un segno, un segno che ognuno riceve una volta per sempre, una sorta di investitura che ti accompagna per tutta la vita, un simbolo forte che si radica dentro di te, insieme alla tua innocenza, tra fantasia, sogno e gioco."

lunedì 12 maggio 2014

Che brutto finale...


SAMPDORIA - Napoli 2-5
Marcatori: 19' Zapata; 26' Insigne; 30' Eder; 32' Callejon; 47' Hamsik; 61' aut. Mustafi; 88' Wszolek

SAMPDORIA: Fiorillo 4,5; De Silvestri 6 Mustafi 6 Gastaldello 5 Regini 5,5; Palombo 5 Krsticic 5 ( 58' Renan 5,5 ); Gabbiadini 5 ( 64' Sansone 5,5 ) Soriano 6 Eder 6; Maxi Lopez 5,5 ( 85' Wszolek 6 )
All. Mihajlovic 5,5

Napoli ( 4-2-3-1 ): Reina 6,5 ( 78' Doblas s.v. ); Maggio 6 Fernandez 6 Mesto 6,5 Reveillere 6;Jorginho 6 Inler 6; Callejon 7 ( 72' Zuniga s.v. ) Hamsik 6,5 ( 65' Mertens 6 ) Insigne 7; Zapata 6,5
All. Benitez 6,5

Arbitro: Chiffi di Padova 5,5
Ammoniti: Mustafi
Angoli: 6-3
Note: spettatori paganti 1.543, incasso di € 32.110; abbonati 19.012

La SAMPDORIA chiude nel peggiore dei modi la stagione davanti al proprio pubblico rimediando una sonora sconfitta ad opera del Napoli fresco vincitore della Coppa Italia.
La prima palla gol arriva al 13' sul destro di Soriano, involontariamente servito da Jorgingho ma la conclusione del centrocampista italo tedesco è imprecisa e termina abbondantemente a lato.
Al 19' i partenopei passano: colpo di testa di Fernandez da calcio d'angolo, Fiorillo tocca sulla traversa ma Zapata è lestissimo a raccogliere e spedire comodamente in rete...ho perso il conto dei gol che abbiamo incassato dai corner, come minimo siamo disattenti...
Il raddoppio è cosa fatta 8' più tardi quando Insigne da fuori area lascia partire un sinistro violento ma centrale sul quale Fiorillo va per farfalle...
La gara si riapre alla mezz'ora quando Eder ( che poco prima aveva tentato un improbabile pallonetto ) stavolta calcia di potenza e fulmina Reina...
Ma ogni tentativo di rimonta è stroncato 120 secondi dopo da una punizione di Callejon sul quale Fiorillo è a dir poco imbarazzante...
La Samp non ci sta e prova orgogliosamente a reagire, le occasioni non mancherebbero ma come al solito i blucerchiati al momento di concludere sono poco lucidi e determinati...
Nella ripresa c'è subito un'opportunità per Maxi Lopez, anticipato in extremis da Reina in uscita, capovolgimento di fronte e arriva la rete che chiude il match: Zapata ( che non mi pare proprio uno scattista...) va via in velocità a Gastaldello e serve al centro per Hamsik che rompe così un personale digiuno che durava da novembre...
La sfortunata autorete di Mustafi e il gol in chiusura di partita di Wszolek, al suo primo centro nel campionato italiano nulla aggiungono e nulla tolgono ad un incontro nel quale la differenza l'ha fatta la...differente qualità tecnica delle due squadre, specie per ciò che concerne il reparto offensivo: spietato quello ospite ( a parte i gol faccio fatica a ricordare altre azioni da gol degli uomini di Benitez ) ,tremendamente inefficace e impreciso il nostro...
Quinta sconfitta nelle ultime sei partite: è davvero un peccato macchiare un campionato tutto sommato positivo con questo pessimo finale, sta accadendo esattamente come l'anno scorso, evidentemente non è un problema di allenatore ma di...mentalità, di una squadra che una volta centrato l'obiettivo stacca totalmente la spina e non riesce a trovare il benchè minimo stimolo...
Di questa domenica di...silenzio assordante ( la Gradinata Sud per una non meglio precisata solidarietà verso i tifosi napoletani non ha fatto cori, è davvero singolare il pensiero di certa gente che solidarizza con le stesse persone che poi magari prenderebbe a cinghiate nella faccia...), di apprezzabile c'è stata solo l'invasione di campo nel prepartita di una ragazza in bikini ( rigorosamente blucerchiato ) e, soprattutto, il commosso abbraccio di tutta la tifoseria blucerchiata a moglie e figlia dell'indimenticabile Vujadin Boskov, entrambe presenti ieri al Luigi Ferraris...

3 commenti:

Carlo Calabrò ha detto...

Ciao, beh, l'ho scritto anche da me a proposito di noi: questo "mollare i pappafichi" finale è una pessima abitudine, un brutto andazzo. Penso che tutti o quasi tutti vorremmo una Serie A più corta e snella, ma finché dura 38 giornate bisogna onorarla per 38 giornate, staccare la spina uno o due mesi prima è inaccettabile: sono convinto che per dei professionisti trovare nuove motivazioni, anche se piccole, sia semplicissimo, e nella loro condizione di privilegiati non possono permettersi di cedere mentalmente... Voi, comunque, almeno un piccolo guizzo col Chievo l'avete trovato...
Bella comunque l'invasione della ragazza in bikini :D (anche se ho letto che era tutto organizzato in funzione campagna abbonamenti: possibile che non si riesca più a fare nulla di spontaneo, un po' come per la banana di Dani Alves?), e commovente l'omaggio a vedova e figlia di Boskov.

Andrea ha detto...

Si in effetti "l'invasione" di campo pare sia stata una trovata per la campagna abbonamenti, non so quanto riuscita nell'intento perchè credo che, almeno quelli presenti nel mio settore allo stadio, in pochi se non nessuno abbia capito...ciao!

Quelli che l'Inter (admin francesco) ha detto...

Boscov. Tra i più grandi allenatori della mia generazione. Lo ricordo sempre con immenso piacere.
Un saluto a tutti voi ;)