" Si è tifosi della propria squadra perchè si è tifosi della propria vita, di se stessi, di quello che si è stati, di quello che si spera di continuare a essere. E' un segno, un segno che ognuno riceve una volta per sempre, una sorta di investitura che ti accompagna per tutta la vita, un simbolo forte che si radica dentro di te, insieme alla tua innocenza, tra fantasia, sogno e gioco."

lunedì 25 novembre 2013

Beffa finale...


SAMPDORIA - Lazio 1-1
Marcatori: 67' Soriano; 94' Cana

SAMPDORIA: Da Costa 6; De Silvestri 6 Mustafi 5,5 Gastaldello 6 Costa 5,5; Obiang 6 Palombo 6,5 ( 93' Maresca s.v. ); Gabbiadini 6 Krsticic 5 Wszolek 6 ( 59' Soriano 6,5 ); Pozzi 6 ( 80' Petagna 5 )
All. Mihajlovic 6,5

Lazio ( 3-4-3 ): Marchetti 5,5; Ciani 6 Cana 6,5 Radu 6; Konko 6,5 Ledesma 5,5 ( 68' Hernanes 6 ) Onazi 5,5 Lulic 6; Candreva 5 ( 70' Ederson 6 ) Floccari 5,5 Keita 5,5 ( 57' Perea 6 )
All. Petkovic 5,5

Arbitro: Orsato di Schio 5,5
Espulso: 46' Krsticic ( gioco scorretto )
Ammoniti: Obiang, Krsticic, Petagna, Cana, Floccari, Lulic
Angoli: 3-4
Note: spettatori paganti 1.340, incasso di € 25.800; abbonati 19.012

Un gol di Cana a una manciata di secondi dal triplice fischio regala alla Lazio un ormai insperato pareggio e nega a Mihajlovic la gioia di bagnare con una vittoria il suo debutto sulla panchina blucerchiata.
Il tecnico serbo rimodella la squadra secondo il 4-2-3-1 ma è soprattutto da un punto di vista caratteriale che si vede la mano del nuovo mister: la Samp combatte su ogni pallone, i limiti tecnici ovviamente permangono ma con la corsa, l'agonismo e il cuore si riesce bene a mascherarli...
Il Doria prova a fare la partita ma negli ultimi 16 metri manca sempre quel quid in grado di fare la differenza e di creare veri pericoli alla retroguardia difesa da Marchetti il quale non deve compiere interventi particolari ma deve ringraziare Konko che al 35' respinge un tiro a botta sicura di Pozzi...
Ma se la SAMPDORIA in avanti combina poco ancor meno fa la Lazio, praticamente non pervenuta dalle parti di Da Costa per tutta la prima frazione...
L'inizio di ripresa vede subito l'espulsione lampo dello sciagurato Krsticic che entra col piede a martello su Ledesma: in superiorità numerica ora sono gli ospiti a premere sull'acceleratore e il neo entrato Perea coglie un clamoroso palo da posizione però di offside non ravvisata dalla a dir poco discutibile terna arbitrale...
La Samp soffre ma stringe i denti ribattendo colpo su colpo e al 67' arriva il gol del vantaggio: tiro da fuori di Gabbiadini, Marchetti non trattiene e nell'area piccola si accende una mischia ( con Pozzi strattonato, sarebbe rigorissimo!), sulla sfera si avventa Soriano, da poco in campo al posto di Wszolek, la palla carambola sulla traversa e viene raccolta dallo stesso centrocampista italo tedesco che la deposita nella porta sguarnita...MARASSI ESPLODE!
Petkovic tenta il tutto per tutto inserendo Hernanes ed Ederson, i biancocelesti ci provano ma senza creare particolari grattacapi alla difesa doriana...
Sembra fatta ma all'ultimissima azione del match accade l'incredibile, una pazzesca serie di combinazioni che rovina la festa: Petagna, subentrato all'esausto Pozzi mantiene in campo un pallone ormai destinato sul fondo, Radu rilancia, Floccari prolunga, Mustafi buca l'intervento e la sfera arriva a Cana che diventa fenomeno per cinque maledettissimi secondi, dribbling a rientrare su Costa e conclusione sul primo palo che fa secco Da Costa...
Un'autentica beffa che ci toglie la soddisfazione di una vittoria ormai in pugno e che avrebbe avuto quasi i connotati dell'impresa visto che abbiamo disputato l'intero secondo tempo in inferiorità numerica, tre punti che sarebbero stati meritati per lo spirito messo in campo dai ragazzi, finalmente determinati dal primo all'ultimo minuto, senza pause...
Se nel recente passato i minuti di recupero ci avevano permesso di strappare un risultato positivo ecco che puntualmente ieri abbiamo pagato tutto con gli interessi, come nella nostra storia ci accade purtroppo con mortificante regolarità!
Vincere sarebbe stata una formidabile iniezione di morale e autostima, la speranza è che questa mazzata non incida troppo sulla squadra...
" I vincenti trovano sempre una strada" aveva dichiarato Mihajlovic il giorno del suo arrivo: forse è presto per dirlo, ma la sensazione è che la Samp la tortuosa strada che porta alla salvezza l'abbia trovata per davvero...

2 commenti:

Entius ha detto...

Ciao, scusami. Mi dai un recapito per contattarti in privato.
Grazie.

Andrea ha detto...

Scrivimi pure a igor3373@libero.it