" Si è tifosi della propria squadra perchè si è tifosi della propria vita, di se stessi, di quello che si è stati, di quello che si spera di continuare a essere. E' un segno, un segno che ognuno riceve una volta per sempre, una sorta di investitura che ti accompagna per tutta la vita, un simbolo forte che si radica dentro di te, insieme alla tua innocenza, tra fantasia, sogno e gioco."

lunedì 29 ottobre 2012

Si apre la crisi...

SAMPDORIA - Cagliari 0-1
Marcatore: 47' Dessena.

SAMPDORIA: Berni 6; De Silvestri 5,5 Gastaldello 6 Rossini 5 Berardi 5,5 ( 89' Juan Antonio s.v. ); Soriano 5,5 Tissone 5 ( 77' Icardi s.v. ) Poli 6 ( 59' Munari 6 ); Estigarribia 5 Maxi Lopez 5 Eder 5,5   All. Ferrara 5

Cagliari ( 4-3-1-2 ): Agazzi 6; Pisano 6,5 Ariaudo 6,5 Astori 6,5 Avelar 6; Dessena 7 Conti 6,5 Ekdal 6,5; Nainggolan 7 ( 89' Eriksson s.v. ); Nenè 6 Thiago Ribeiro 6 ( 59' Ibarbo 6)
All. Pulga - Lopez 7

Arbitro: Rocchi di Firenze 6,5
Ammoniti: De Silvestri, Munari, Astori. Thiago Ribeiro, Conti, Nenè, Avelar, Nainggolan
Angoli: 10-6
Note: spettatori paganti 1.533, incasso di € 19.675; abbonati 20.059


Il Cagliari certifica l'inizio della crisi della SAMPDORIA che contro i sardi incappa nella quarta sconfitta consecutiva...
Discreta la partenza dei blucerchiati: tre calci d'angolo nei primi 8 minuti, una buona circolazione di palla unita a un efficace pressing ma il problema è sempre il solito, ossia non si tira in porta!
Eder & C.fraseggiano bene fino alla trequarti avversaria poi si smarriscono non riuscendo a trovare la giocata risolutiva...
Il Cagliari fa la partita che ci si aspetta: ben coperto e pronto a colpire di rimessa, grazie a un centrocampo molto abile sia in fase d'interdizione che d'impostazione della manovra...
Dopo il promettente avvio la Samp si affloscia e l'unico tiro nello specchio della porta di tutto il primo tempo è proprio degli ospiti, un violento diagonale di Thiago Ribeiro respinto da Berni...
A inizio ripresa il gol che decide la gara: cross apparentemente innocuo di Thiago Ribeiro, Rossini inspiegabilmente lascia sfilare il pallone che l'ex Dessena incorna in rete!
Il Doria potrebbe pareggiare pochi minuti dopo: bolide su punizione di Eder, Agazzi respinge e Gastaldello di testa da pochi passi manda incredibilmente a lato!
Ma è un fuoco di paglia: gli uomini di Ferrara sono tanto generosi quanto arruffoni, gli attacchi sono disordinati, poco lucidi, si ha la sensazione che la squadra non abbia idee e vada avanti solo con la forza dei nervi  e nel complesso va più vicino il Cagliari al raddoppio che la Samp al pareggio!
Pareggio che teoricamente era stato raggiunto al 68' grazie a un colpo di testa di Munari su punizione di Tissone ma rete che veniva annullata per fuorigioco...
Se Ferrara al termine dell'incontro ha dichiarato che questa sconfitta non ha nulla a che vedere con quelle di Chievo e Parma a mio modestissimo parere è esattamente l'opposto!
Perchè se nei tre precedenti k.o. potevamo aggrapparci alla sfortuna e alle decisioni arbitrali stavolta possiamo attaccarci al...nulla, non abbiamo alibi!
Un tiro in porta oggi, uno contro il Parma ( il rigore di Eder, anch'egli in giornata no ), uno contro il Chievo ( la punizione vincente di Maresca ), un paio contro la Roma e altrettanti con il Napoli: calciando così poco verso la porta degli avversari non solo diventa difficile vincere ma anche pareggiare!
Non voglio addossare tutte le colpe al tecnico partenopeo ( anche se vorrei capire il senso dell'entrata in campo di Juan Antonio all'89'... ) ma dopo quattro sconfitte consecutive è lecito attendersi una scossa che parta proprio dal mister, provare a cambiare modulo ad esempio potrebbe non essere una cattiva idea, un tentativo per vedere se la nave che sta affondando può rimettersi faticosamente a galla...

2 commenti:

Giovanni Del Bianco ha detto...

Ciao Andrea,
sono d'accordo con te. L'ingresso di Juan Antonio all'89'è tra le cose inspiegabili della partita, in effetti! Cosa si pretendeva da lui, in 4-5 minuti?

Ciao!

yashal ha detto...

Eravate partiti così bene. Di prestazioni altalenanti, il nostro campionato ne è pieno. Passerà.

http://mondobiancoceleste.blogspot.com