" Si è tifosi della propria squadra perchè si è tifosi della propria vita, di se stessi, di quello che si è stati, di quello che si spera di continuare a essere. E' un segno, un segno che ognuno riceve una volta per sempre, una sorta di investitura che ti accompagna per tutta la vita, un simbolo forte che si radica dentro di te, insieme alla tua innocenza, tra fantasia, sogno e gioco."

lunedì 8 ottobre 2012

Paperissima...


Chievo - SAMPDORIA 2-1
Marcatori: 46' p.t. Thereau; 61' Maresca; 87' Di Michele

SAMPDORIA: Romero 4; Berardi 6,5 Rossini 6 Costa 5,5 Poulsen 5 ( 66' Soriano 5,5 ); Munari 5,5 Maresca 6,5 Obiang 6 ( 89' Icardi s.v. ); Estigarribia 5 Maxi Lopez 5,5 Krsticic 5,5 ( 79' Tissone s.v. )   All. Ferrara 5

Chievo ( 4-3-3 ): Sorrentino 6; Sardo 6 ( 32' Frey s.v. ) Dainelli 6 Cesar 6 Dramè 6; Guana 6 L.Rigoni 5,5 Hetemaj 5,5; Thereau 6,5 ( 85' Samassa s.v. ) Di Michele 6 Stoian 5,5 ( 61' Jokic 6 )   All. Corini 6

Arbitro: Gervasoni di Mantova 5,5
Ammoniti: Frey, Guana, Krsticic, Tissone
Angoli: 3-4

Una paperissima di Romero a pochi minuti dal termine condanna la SAMPDORIA alla seconda sconfitta consecutiva, la prima fuori casa, e viceversa rilancia il Chievo dopo cinque k.o. di fila: per Eugenio Corini buona la prima sulla panchina clivense...
Il primo tempo è di una noia mortale: squadre bloccate, timorose, tanti errori da una parte e dall'altra...ma se si può capire ciò da parte del Chievo che viene da un momentaccio stupisce l'atteggiamento molle e passivo della Samp: con tanti giovani in squadra e con una classifica assolutamente tranquilla ci si aspetterebbe un piglio diverso, più sbarazzino, e invece...
Quando ormai l'intervallo è vicinissimo i padroni di casa passano in vantaggio: da un calcio d'angolo a favore, come accaduto domenica scorsa contro il Napoli i ragazzi di Ferrara subìscono la ripartenza avversaria, favorita da un errore di Poulsen ( negativo il suo esordio dal 1'), la retroguardia è presa d'infilata e per Thereau è un gioco da ragazzi battere Romero.
Nella ripresa ti aspetti la reazione dei blucerchiati che invece continuano con il loro modesto tran tran mentre il Chievo  appare decisamente più sciolto, s'intuisce che solo un episodio può cambiare le sorti del match...e l'episodio arriva al 61' grazie ad una splendida punizione di Maresca che dopo le traverse colte contro Siena e Torino stavolta fa centro!
Come spesso accade nel calcio il gol galvanizza chi lo realizza e deprime chi lo subisce: ora la Samp appare più convinta e decisa e quasi quasi si ha la sensazione che questa partita Obiang & C. potrebbero anche vincerla...
E invece, quando la gara sta spegnendosi e il pareggio sembra accontentare tutti ecco l'imponderabile: da circa 25 metri Di Michele lascia partire un tiro che definire tale non ha senso, è più che altro un passaggio che un portiere concentrato fermerebbe con una mano ma non il distratto e superficiale Romero ( che già nel primo tempo si era fatto soffiare il pallone mentre si accingeva a rinviarlo non accorgendosi che aveva un avversario alle spalle, l'intervento del giocatore del Chievo era stato falloso ma uno più furbo e scaltro in quella circostanza gliela portava via con la testa...) il quale si fa sfuggire la sfera che finisce così beffardamente in rete...
Da rilevare come il gol vittoria del Chievo sia scaturito da un'azione che ha generato non poche polemiche, con un evidente fallo di Frey su Obiang non rilevato dall'arbitro e scaligeri che proseguono a giocare nonostante il centrocampista blucerchiato fosse rimasto dolorante a terra...
Se a ciò aggiungiamo poi la papera di Romero viene naturale pensare come sia stata diabolica la concatenazione degli eventi che ci ha portato alla sconfitta...
Ma sinceramente non voglio attaccarmi nè alla sfiga, nè agli errori arbitrali e neppure alla presunta mancanza di sportività degli uomini di Corini...
La squadra ha certamente disputato la più brutta gara della stagione apparendo davvero lenta nella manovra ma soprattutto priva di quel furore agonistico che era stato il marchio di fabbrica di questa Samp nelle prime sei giornate di campionato...
Oltretutto in trasferta mi sembriamo troppo attendisti, un atteggiamento che avevo già notato nelle altre tre precedenti solo che in quelle occasioni gli episodi c'erano girati a favore...
Nessun processo, un passaggio a vuoto ci può stare ma ridendo e scherzando dopo le prime 3 vittorie consecutive abbiamo racimolato solo 2 punti in 4 partite e dopo la sosta ci attenderà l'ostica trasferta di Parma, urge un repentino cambio di mentalità fuori da Marassi se non vogliamo ritrovarci tra poche settimane risucchiati nella bassa classifica...

4 commenti:

Antonio Capone ha detto...

Ciao Andrea! (della serie, a volte ritornano eheh)

State raccogliendo meno di quanto meritereste in termini di mole di gioco, ma comunque la squadra la vedo molto bene quest'anno e può tranquillamente ambire a un campionato di metà classifica a mio parere..

Giovanni Del Bianco ha detto...

Ciao Andrea!
fai bene a sottolineare la distrazione di Romero già nel primo tempo: era un episodio che mi era passato di mente, e anche nel mio blog, non l'ho citato!

Andrea ha detto...

Ciao Antonio che piacere ritrovarti!
Ho provato a commentare il tuo post sulle cessioni di Thiago Silva e Ibrahimovic ma non vi ero riuscito...
Io credo che tutto sommato ad oggi abbiamo i punti che meritiamo, penso anch'io che una tranquilla salvezza sia ampiamente alla nostra portata...ciao!

Antonio Capone ha detto...

Ciao Andrea, è un piacere tornare a visitare anche i vostri blog, sono stato incasinatissimo per un bel pò tra studio e altro..ho modificato un pò di robe nel blog, non mi stupisco che ci siano stati problemi nei commenti. Passa quando vuoi comunque, un saluto ;)