" Si è tifosi della propria squadra perchè si è tifosi della propria vita, di se stessi, di quello che si è stati, di quello che si spera di continuare a essere. E' un segno, un segno che ognuno riceve una volta per sempre, una sorta di investitura che ti accompagna per tutta la vita, un simbolo forte che si radica dentro di te, insieme alla tua innocenza, tra fantasia, sogno e gioco."

venerdì 13 aprile 2012

Ultima spiaggia...o quasi

L' imprevista sconfitta di Crotone ha decisamente complicato la rincorsa ai play off della SAMPDORIA...Se due settimane fa i risultati erano stati tutti favorevoli ( vittoria contro la Nocerina, contemporanee sconfitte di Padova e Varese e pareggio del Brescia ), ecco che nell'ultimo turno è accaduto esattamente l'opposto con tutte le dirette concorrenti a incamerare i tre punti e i blucerchiati k.o. in pieno recupero in Calabria.
Ed ecco che così la gara di domani pomeriggio a Marassi contro il Brescia è diventata per gli uomini di Iachini una sorta di ultima spiaggia, una partita nella quale il bottino pieno è praticamente obbligato; intendiamoci, magari pareggi, il Varese perde ed ecco che rosicchi un punto ma non battere tra le mura amiche una diretta concorrente credo che sarebbe un segnale estremamente negativo, una non indifferente mazzata sul morale di squadra, tifosi e società che mai come in questo periodo stanno facendo quadrato, tutti uniti per cercare di strappare al fotofinish la possibilità di approdare ai play off.
Si prospetta un match difficilissimo contro una squadra in gran forma, la migliore per rendimento nel girone di ritorno assieme a noi: da quando Calori è subentrato a Scienza le rondinelle hanno inanellato un'incredibile serie di risultati positivi con la ciliegina del record d'imbattibilità del portiere Arcari durata addirittura 905'!
Ma per la SAMPDORIA non ci devono essere scuse: domani i blucerchiati dovranno dare un segnale forte, un segnale che dia la possibilità di continuare a sperare...

3 commenti:

Entius ha detto...

Sono daccordo. Con il Brescia servono necessariamente i tre punti.
Non basta il pareggio. Battere una diretta concorrente in casa vuol dire dare un segnale forte e soprattutto recuperargli tre punti.
Anche se a Crotone fossero arrivati i tre punti oggi pomeriggio sarebbe stato comunque importante vincere.

Giovanni Del Bianco ha detto...

Ciao Andrea, e vittoria è stata! Avanti così!

Andrea ha detto...

Ciao Giovanni
i 3 punti erano di fondamentale importanza, sarà una dura lotta fino al termine, chissà che non diventi decisiva l'ultima partita a Varese...ciao!