" Si è tifosi della propria squadra perchè si è tifosi della propria vita, di se stessi, di quello che si è stati, di quello che si spera di continuare a essere. E' un segno, un segno che ognuno riceve una volta per sempre, una sorta di investitura che ti accompagna per tutta la vita, un simbolo forte che si radica dentro di te, insieme alla tua innocenza, tra fantasia, sogno e gioco."

mercoledì 14 settembre 2011

Prova di maturità...

Bella vittoria della SAMPDORIA che espugna il difficile campo di Empoli, si mantiene nella scia di testa ma soprattutto continua a evidenziare gli importanti e incoraggianti segnali di crescita già mostrati nelle ultime uscite.
Blucerchiati già in rete dopo soli 6': Semioli, per l'occasione schierato a sinistra mette al centro dove Pozzi di testa batte Pelagotti.
L'Empoli potrebbe pareggiare un minuto più tardi ma Tavano centra la traversa; sono così gli ospiti ad andare ancora al bersaglio con Bertani che da posizione defilata indovina lo spiraglio giusto per siglare il suo quarto gol stagionale...
La Samp è padrona del campo e specie quando riparte dà la sensazione di poter sempre creare dei pericoli: ancora Bertani e Pozzi sfiorano il tris poi la squadra si rilassa permettendo all'Empoli di rifarsi sotto e accorciare le distanze con Tavano...ora è un'altra partita, i toscani spingono sull'acceleratore mettendo in difficoltà una retroguardia bluerchiata non di rado pasticciona e così è Romero a salire in cattedra compiendo un grande intervento su conclusione del sempre pericoloso Saponara, elemento davvero molto interessante che già nella gara di Coppa Italia fece ammattire Volta e compagni...
La ripresa inizia così com'era finito il primo tempo: Empoli all'attacco e Samp in affanno ma proprio nel momento peggiore gli uomini di Atzori trovano il guizzo che chiude virtualmente il match grazie ancora a Pozzi che deposita in rete un passaggio di uno scatenato Semioli, autore di tutti e tre gli assist vincenti!
Nel finale i blucerchiati potrebbero dilagare andando più volte vicini al poker e permettendosi il lusso di sprecare un rigore con Piovaccari che spara sulla traversa...
Consideravo lo scontro del Castellani un test molto importante per verificare la nostra crescita e le risposte sono state molto confortanti, mi è piaciuta in special modo la maturità che abbiamo dimostrato nei momenti difficili, abbiamo saputo soffrire e colpire col cinismo tipico delle grandi squadre...
Non è però tutto oro quel che luccica: la difesa, per l'occasione schierata a quattro appare troppo spesso vulnerabile e confusionaria specie in Volta, difensore che se utilizzato sull'esterno rischia di andare incontro solo a brutte figure...sul piatto della bilancia bisogna anche considerare che abbiamo avuto un pizzico di fortuna con quella traversa di Tavano che avrebbe certamente cambiato la partita: insomma vittoria ineccepibile, ma piedi per terra e continuare a pedalare e, possibilmente, a migliorare...

4 commenti:

Giovanni Del Bianco ha detto...

Ciao Andrea, articolo impeccabile!

Scusa una cosa: col nuovo sito della Samp non c'è più un modo per prendere le foto, vero? (Mi pare che anche tu le prendevi da lì...)

Ciao!

Andrea ha detto...

Eh si Giovanni, mi sa che abbiamo lo stesso problema!
Questi furbacchioni del sito devono avere escogitato il modo da non potere più estrapolare le foto, io quella che ho inserito l'ho presa comunque dalla loro homepage dove penso saprai ci sono tre foto a rotazione, da lì ci sono riuscito, per il futuro sarà un mezzo casino vedrò di ovviare inserendo qualche immagine presa dal web...ciao!

yashal ha detto...

Come ha giocato il mio Pasqualino Foggia?
saluti biancocelesti

Andrea ha detto...

Foggia è ancora lontano da una condizione di forma accettabile, è arrivato da poco e nelle ultime stagioni è stato impiegato col contagocce, ha bisogno di tempo...