" Si è tifosi della propria squadra perchè si è tifosi della propria vita, di se stessi, di quello che si è stati, di quello che si spera di continuare a essere. E' un segno, un segno che ognuno riceve una volta per sempre, una sorta di investitura che ti accompagna per tutta la vita, un simbolo forte che si radica dentro di te, insieme alla tua innocenza, tra fantasia, sogno e gioco."

mercoledì 12 gennaio 2011

Una gigantesca, strepitosa cazzata!

Avrei voluto scrivere un post riassuntivo del nostro girone d'andata e, più in generale, fare un bilancio di questa prima parte di stagione e provare a ipotizzare gli scenari futuri...
Ma la clamorosa cessione di Guido Marilungo ha stravolto i miei progetti...
Clamorosa non tanto perchè inaspettata ( della partenza dell'attaccante marchigiano si parlava ormai da giorni specie dopo l'approdo in blucerchiato di Macheda ) ma perchè avviene a titolo definitivo!!!
Nessun prestito e nessuna comproprietà come sarebbe stato comprensibile e condivisibile: perdiamo così uno dei migliori prodotti del nostro vivaio ed è una decisione che mi lascia allibito e sconcertato!
Sono anni che sento discorsi riguardanti la politica dei giovani che una società come la nostra deve necessariamente perseguire e poi, quando riusciamo finalmente a scoprirli e a coltivarli, li vendiamo subìto...anzi, più che venduto direi svenduto perchè l'Atalanta per Marilungo ha sborsato 4,8 milioni di euro, pressochè impossibile pagare meno un attaccante di un certo target...Aldilà del fatto che questi 4,8 milioni di euro potrebbero essere reinvestiti ribadisco il mio totale disaccordo con questa scelta societaria: Guido di certo non stava facendo bene in questo ultimo periodo, schiacciato dal peso della responsabilità di dover sostituire Cassano aveva perso la tranquillità e la fiducia nei suoi mezzi, ma meritava un'altra chance e non una così sonora bocciatura!
Magari tra qualche mese dovrò fare ammenda perchè Marilungo nel frattempo si sarà rilevato un pippone clamoroso e chiederò venia alla società per le mie critiche ma al momento mi sento solo di parafrasare il Trio Medusa: una gigantesca, strepitosa cazzata!

3 commenti:

Vincenzo ha detto...

Sinceramente Marilungo non mi fa impazzire e ho notato che sottoporta ha una freddezza....nulla.

Però sono d'accordo sul fatto che potevate darlo solo per metà e non a titolo definitivo.

Ciao.

Entius ha detto...

Come tutti i giovani bisogna dargli fiducia e tempo. Secondo me Marilungo ha tutte le carte in regola per diventare un buon attaccante. Averlo ceduto a titolo definitivo è stato un grosso errore, direi quasi imperdonabile.

Antonio ha detto...

Credo che dietro la cessione di Marilungo ci sia la ferma volontà di far cassa per completare il reparto offensivo. Certamente ha contribuito lo scarso rendimento del calciatore, che da quando è stato promosso titolare in pianta stabile non ne ha più imbroccata una..peccato, sperate adesso che non si riveli, tra due o tre anni, un pezzo pregiato del panorama calcistico nostrano :)