" Si è tifosi della propria squadra perchè si è tifosi della propria vita, di se stessi, di quello che si è stati, di quello che si spera di continuare a essere. E' un segno, un segno che ognuno riceve una volta per sempre, una sorta di investitura che ti accompagna per tutta la vita, un simbolo forte che si radica dentro di te, insieme alla tua innocenza, tra fantasia, sogno e gioco."

mercoledì 15 settembre 2010

Si riparte da Eindhoven...

Riparte da Eindhoven l'avventura europea della SAMPDORIA.
Dopo l'amarissima eliminazione dalla Champions ad opera del Werder Brema, Palombo e compagni debuttano domani nella meno nobile Europa League contro i padroni di casa del PSV.
Non saranno della partita Pazzini, Poli, Sammarco e Tissone, rimasti a Genova a causa delle loro non perfette condizioni fisiche; Di Carlo darà vita a un mini turn over nel quale troverà sicuramente spazio al centro della difesa Volta che rileverà Lucchini.
Più incertezza per quanto riguarda la composizione di centrocampo e attacco dove il tecnico di Cassino ha un ampio ventaglio di scelte: potrebbe esserci il ritorno di una mediana a quattro oppure la conferma del modulo col trequartista dietro le punte ma in avanti non è da escludere addirittura un tridente anche se questa ipotesi sembra perdere consistenza visto che Pozzi nella rifinitura odierna ha accusato un affaticamento muscolare.
Sulla carta affrontiamo la squadra più forte del girone: il PSV è in testa nell'Eredivisie assieme all'Ajax, è compagine di grande blasone ed esperienza ed ha nelle sue fila individualità di spicco quali l'esterno Afellay e il centrocampista Toivonen.
Come ho già scritto più volte in passato ho una discreta avversione verso questa competizione che solitamente lascia strascichi notevoli nella testa e nelle gambe dei giocatori, ma siamo la SAMPDORIA e se vogliamo crescere dobbiamo onorare al massimo delle nostre possibilità tutti gli impegni...FORZA RAGAZZI !!!!

1 commento:

Vincenzo ha detto...

In bocca al lupo!