" Si è tifosi della propria squadra perchè si è tifosi della propria vita, di se stessi, di quello che si è stati, di quello che si spera di continuare a essere. E' un segno, un segno che ognuno riceve una volta per sempre, una sorta di investitura che ti accompagna per tutta la vita, un simbolo forte che si radica dentro di te, insieme alla tua innocenza, tra fantasia, sogno e gioco."

domenica 12 settembre 2010

Che carattere!

Juventus- SAMPDORIA 3-3
Marcatori: 36' Pozzi; 43' Marchisio; 50' Pepe; 64' Cassano; 67' Quagliarella
73' Pozzi

SAMPDORIA: Curci 7 Zauri 5,5 Gastaldello 6,5 Lucchini 6 ( 79' Volta s.v. ) Ziegler 5,5; Semioli 5 ( 68' Marilungo 6,5 ) Palombo 7 Dessena 6,5 Koman 5,5 ( 58' Obiang 6,5 ); Cassano 7 Pozzi 7 All. Di Carlo 7

Juventus ( 4-4-2 ): Storari 6; Motta 5 ( 76' Grygera s.v. ) Bonucci 5 Chiellini 5 De Ceglie 5; Krasic 6,5 ( 78' Iaquinta s.v. ) Marchisio 6 Melo 6 Pepe 6 ( 78' Aquilani s.v. ); Del Piero 5,5 Quagliarella 6 All. Del Neri 5,5

Arbitro: Mazzoleni di Bergamo 5
Ammonito: Melo
Angoli: 4-3
Note: spettatori paganti 9.678, incasso di € 279.625,00; abbonati 14.271

Che grinta questa SAMPDORIA!
Soffre, va sotto due volte, rischia di affondare ma ha la forza e il carattere per riemergere ed acciuffare un pareggio che rispecchia sostanzialmente quanto si è visto in campo.
Magistrale il nostro primo tempo: nonostante le pesanti assenze di Guberti e Pazzini ci imponiamo sia sotto il profilo del gioco che su quello della personalità e dopo esserci divorati due clamorose palle gol passiamo meritatamente con Pozzi: la squadra sembra in grado di controllare ma sul finire della prima frazione Marchisio ristabilisce la parità.
Nella ripresa invece viene fuori la Juventus che passa in vantaggio con Pepe ( gol però siglato in fuorigioco...): è il momento peggiore, i bianconeri imperversano grazie soprattutto alle percussioni sulla destra di Krasic ma Di Carlo azzecca il cambio che ci ridà fiato a centrocampo inserendo il baby Obiang che debutta senza alcun timore...arriva così il pareggio siglato da Cassano su splendido lancio di Palombo, ma poco dopo è l'ex Quagliarella a riportare in vantaggio i suoi ( anche qui probabile off side...).
Ma la Samp non ci sta e Marilungo, da poco subentrato allo sciagurato Semioli ( una sua incredibile ingenuità ci era costata la terza rete ) pennella un cross per il liberissimo Pozzi che incorna alle spalle di Storari...il finale è sofferto, ma il pirotecnico 3-3 regge sino al termine...
Un punto importante, che rafforza ulteriormente la convinzione nei nostri mezzi: gioco e carattere non ci fanno difetto, partite così solitamente le perdevamo fino a poco tempo e questo testimonia di come questo gruppo sia cresciuto proprio sul piano mentale.
Ottime le indicazioni fornite dai nostri giovani, Obiang e Marilungo sono stati decisivi, un pò timido invece Koman, qualcosa da registrare sulle corsie esterne difensive dove specie nella ripresa abbiamo lasciato troppi spazi; peccato non aver saputo gestire meglio il primo gol di Pozzi ed esserci fatti raggiungere, fossimo andati al riposo in vantaggio forse avremmo visto un'altra partita, ma un punto a Torino può e deve essere comunque accolto con soddisfazione...

3 commenti:

Bianco Su Nero ha detto...

pensa che meritavate pure la vittoria con quel goal in fuorigioco..

Vincenzo ha detto...

Complimenti Andrea, avete giocato una ottima partita.

Ciao.

Andrea ha detto...

Comunque nel secondo tempo la Juve è venuta fuori bene, a prescindere dai gol in fuorigioco credo che il risultato sia giusto...ciao ragazzi!