" Si è tifosi della propria squadra perchè si è tifosi della propria vita, di se stessi, di quello che si è stati, di quello che si spera di continuare a essere. E' un segno, un segno che ognuno riceve una volta per sempre, una sorta di investitura che ti accompagna per tutta la vita, un simbolo forte che si radica dentro di te, insieme alla tua innocenza, tra fantasia, sogno e gioco."

lunedì 10 maggio 2010

Un piede in Paradiso...

Palermo - SAMPDORIA 1-1
Marcatori: 54' rig.Pazzini; 68' rig.Miccoli
Ammoniti: Sirigu, Goian, Pastore, Migliaccio, Guberti
Angoli: 7-2
Note: spettatori paganti 19.502, incasso di € 251.257; abbonati 16.370

La SAMPDORIA esce indenne dal catino infuocato del Renzo Barbera e mette una seria ipoteca sulla qualficazione ai preliminari di Champions League.
Era il Palermo a dover far la partita ma i rosanero hanno avvertito troppo l'importanza della posta in palio apparendo contratti e poco lucidi al cospetto di una Samp messa benissimo in campo che impediva agli uomini di Delio Rossi di creare gioco e occasioni.
Il primo tempo scivolava via senza grosse emozioni: un paio di conclusioni di Cavani e una di Pastore da una parte, un tiro cross di Cassano e una palombella di Tissone di poco alta dall'altra.
Il copione della ripresa non cambiava ma al 53' Mannini aggira un difensore siciliano e viene abbattuto da Sirigu: rigore ineccepibile che Pazzini trasforma con freddezza.
Sembra il colpo del k.o. perchè i padroni di casa vanno ancor più in confusione e i blucerchiati in contropiede non concretizzano due grosse opportunità ma al 67' Zauri entra in maniera scomposta su Miccoli e Rosetti ( buona la sua direzione di gara ) decreta il giusto penalty che lo stesso Romario del Salento realizza.
Sulle ali dell'entusiasmo il Palermo spinge sull'acceleratore e la Samp va un pò in affanno: ancora Miccoli costringe Storari a un mezzo miracolo poi è Budan a divorarsi il gol della vittoria mandando a lato di testa da ottima posizione, ma anche gli uomini di Del Neri sanno rendersi pericolosi con Guberti che pressato da un avversario spreca una buona occasione.
Finisce così con un pareggio che rimanda il verdetto a domenica prossima, anche se aver superato a pieni voti questo esame non può che regalare a tutto l'ambiente blucerchiato grande, grandissima fiducia e otttimismo.
Non saremo belli a vedersi ma anche ieri abbiamo dimostrato di essere una squadra vera, solida in tutti i reparti, che ha personalità e convinzione dei propri mezzi, un pizzico di rammarico perchè dopo il nostro vantaggio il Palermo era in affanno e ho la sensazione che se Zauri non avesse commesso quella leggerezza i rosanero non pareggiano mai più comunque va bene, anzi BENISSIMO COSI'!
Chiudo facendo i complimenti a giocatori e tifosi: nonostante ieri sia noi che i siciliani ci giocassimo un traguardo per certi versi storico abbiamo assistito ad un incontro leale e corretto, in una cornice di pubblico appassionata ma al tempo stesso civile e sportiva e in un periodo come questo dove le tensioni dentro e fuori il rettangolo di gioco sono altissime è una cosa da rimarcare...

Pagelle Samp:
- Storari 7: inoperoso nel primo tempo, è decisivo nella ripesa con due grandi interventi.
- Zauri 5,5: l'intervento scomposto su Miccoli che causa il rigore del pareggio macchia la solita diligente prestazione.
- Gastaldello 7: un baluardo pressochè insuperabile.
- Lucchini 6,5: in un'occasione si dimentica pericolosamente Cavani, per il resto impeccabile.
- Ziegler 6,5: quanto è cresciuto questo ragazzo, ora è un difensore sul quale poter fare totale affidamento.
- Semioli 5,5: in questo finale di stagione appare poco brillante.
65' Guberti 5,5: il suo impatto in partita non è dei migliori, spreca una buona occasione anche se non era facile fa rmeglio.
- Palombo 6: perde qualche pallone di troppo, ma si fa sempre sentire.
- Tissone 6: ordinato, non commette errori.
84' Poli s.v.
- Mannini 7: sembra tornato quello di inizio stagione: fa su e giù sulla fascia con continuità e si procura il rigore.
- Cassano 7: è in gran forma, spesso imprendibile per gli avversari.
- Pazzini 6: riceve pochi palloni ma si batte sempre con ardore, freddo sul rigore
81' Pozzi s.v.
All. Del Neri 7: ha conferito alla Samp mentalità e personalità da grande squadra, stravince tatticamente il duello con Delio Rossi, a un passo dal compiere un capolavoro.

Pagelle Palermo ( 4-3-1-2 ): Sirigu 5,5 Cassani 6 ( 88' Bertolo s.v. ) Kjaer 6,5 Goian 5,5 Balzaretti 6; Migliaccio 5,5 Liverani 5 Nocerino 6; Pastore 5; Cavani 5 ( 55' Hernandez 5,5 ) Miccoli 6,5 ( 79' Budan 5,5 ) All. Rossi 5,5
Arbitro: Rosetti di Torino 6,5

5 commenti:

alfredo ha detto...

Grande DORIA...quest'anno ha dimostrato come trovando l'equilibrio ogni traguardo è possibile. Avete preso 8 punti con le prime due della classe...mantenendo una regolarità di risultati importantissima...La gestione di Cassano nel momento più duro di flessione...Un grande Paluso al mister del Neri...che a Roma (sponda zingara) fu deriso ed invece ha sempre fatto ottimi campionati non ultimo quello dello scorso anno con l'atalanta fatto sta che quest'anno è retrocessa. Un plauso anche al pubblico doriano...sempre corretto e colorato...la festa della finale dello scorso anno, i colori e l'orgoglio di quelle due tifoserie rimarrà nella storia...

Il prossimo anno verrò a genova a stringerti la mano!

Andrea ha detto...

Grazie Alfredo, bè devo ammettere che anch'io ero molto perplesso su Del Neri e non l'ho mai nascosto, sicuramente in questa Samp c'è la sua mano ma la sua gestione non è stata esente da errori, diciamo che nel momento più difficile per noi è stato coraggioso e fortunato... ciao!

alfredo ha detto...

Ora però non smantellate tutto...
la cahmpion conquistata deve essere il gradino di partenza e non l'arrivo...Fatevi sentire da Garrone...Non permettete di rendervi mediocri come lotito sta facendo con noi! MA lotito è della roma...Garrone no! DAJE!
un abbraccio ANDRé

Andrea ha detto...

Amico Alfredo non dare retta a tutto quel che stampa e tv stanno dicendo su di noi in questi giorni, al momento l'unica certezza è il passaggio di Marotta alla Juve, comunque non ci sarà alcun smantellamento stanne certo...ciao!

yashal ha detto...

Quoto Alfredo...Del Neri è un buon allenatore, peccato che a breve firmerà con la Juventus.